Calycanthus praecox – Consigli sul calicanto “d’inverno”

E’ conosciuto come calicanto d’inverno. E’ un arbusto che appartiene alla famiglia delle calicantacee. E’ particolarmente apprezzato durante i mesi freddi perchè è uno dei pochi arbusti che fiorisce durante l’inverno. Puo’ essere coltivato in grosse fioriere o in mastelli, in terrazzo o im balcone oppure nei piccoli giardini in piena terra.

I fiori sono molto profumati e compaiono in pieno inverno. Il calicanto ha bisogno di poche cure e si adatta ai climi più diversi: dà il meglio di sè in questa stagione quando si spoglia delle foglie per riempirsi di profumati fiori gialli a forma di coppette.  Essendo un arbusto a foglia caduca non arreda in modo particolare il giardino durante i mesi invernali, se non a dicembre o in gennaio, e quindi è preferibile collocarlo come esemplare isolato, in posizione piuttosto defilata. Oppure collocarlo insieme ad arbusti sempreverdi. Cresce bene a ridosso di un muro soleggiato, orientato verso ovest oppure sud. I rami possono essere potati per poi essere sistemati in vasi in appartamento, dove rimangono freschi anche per 7/8 giorni.

Consiglio: se sono molto legnosi fate un’incisione a croce sulla parte tagliata e scortecciatela per un centimetro. In questo modo l’acqua verrà assorbita così la fioritura durerà più a lungo. Annaffiare abbondantemente: se l’inverno si mantiene siccitoso annaffiare una volta ogni 20 giorni, e dalla primavera all’estate inoltrata una volta alla settimana. Una volta all’anno a primavera distruibuire concime minerale alla base della pianta. Se la pianta è in terra preferisce terreni poveri, leggeri e argillosi. Quando è in vaso utilizzare una miscela formata da 4 parti di terra da giardino, 2 di terriccio universale e 1 di torba. Non richiede potature regolari

12 commenti

  1. Non ho trovato notizie riguardo la modalità di riproduzione di nuove piantine di calycanthus praecox: per talea, per seme? vi sarei grata della informazione

    1. La tecnica di propagazione più semplice è il distacco dei palloni in primavera e in autunno, ripantandoli direttamente a dimora. Un’altra tecnica molto semplice è la propaggine in settembre: si scelgono dei rami molto lunghi, li si incide sul lato inferiore e li si interra. Le nuove piante si possono staccare dalla pianta madre dopo 2 anni. Si può anche seminare in autunno, in una composta da semi contenente torba e sabbia in parti uguali, in un luogo riparato ma non riscaldato. Appena le piantine sono maneggevoli, si invasano singolarmente. La messa a dimora definitiva avviene dopo 3 o 4 anni.

  2. SE VOLESSI RIPRODURRE IL CALICANTUS PER SEME;CHIEDO SE DEVO SEMINARE L’INTERO BACELLO,OPPURE SE DEVO TOLIERE I SEMI AL SUO INTERNO. GRAZIE

    1. I semi delle piante ornamentali sono assai diversi epr forma e dimensioni. Talvolta i tegumenti cuoiosi, duri o carnosi, possono ostacolare l’inizio della germinazione. Nei vivai, in questi casi, si ricorre ad una serie di interventi che vanno dalla stratificazione in ambiente umido e fresco all’immersione in liquidi bollenti per pochi secondi, o in soluzioni acide per diversi minuti, o interventi meccanici per vincere l’impermeabilità del tegumento. La stratificazione ha lo scopo di provocare il disfacimento della polpa del frutto o di ridurre l’impermeabilità dei tegumenti dei semi: si dispongono i frutti o i semi a strati, alternandoli con sabbia o torba umida, all’aperto o sotto una tettoia, al riparo da roditori e dagli uccelli. La durata della stratificazione può oscillare fra i 6 e gli 8 mesi, secondo le caratteristiche dei semi. Nel caso dei semi con tegumento duro, impermeabile all’acqua, può essere utile inciderlo o romperlo prima della semina, in modo da rendere più rapido e agevole il rigonfiamento del seme stesso: si interviene con una lima o con un piccolo coltello affilato, facendo attenzione ad incidere solo gli strati più estesi dei tegumenti. Tra le diverse composte adatte per la semina, una delle più note è la composta da semi John Innes.

  3. la mia pianta era bellissima ma da due anni si seccano alcuni rami, che poi devo tagliare, ci sono rimedi? grazie , la pianta madre ha ormai 40 anni.

    1. Dopo la fioritura si accorciano i rami delle piante coltivate in zone ristrette. Se la chioma è eccessivamente folta si asportano completamente un certo numero di rami.
      I calicanto si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino fertili e in posizioni soleggiate, al riparo da venti freddi. Gli arbusti necessitano di una potatura leggera, per sfoltire i rami, dopo la fioritura. Le piante coltivate contro i muri si potano in marzo, tagliando tutti i rami che hanno prodotto fiori, a 5/10 cm dalla base.
      Dici che la pianta era bellissima, e da alcuni anni si seccano alcuni rami, che poi devi tagliare. La pianta madre ha 40 anni, ti consiglio di rinnovarla un po’.

  4. SE VOLESSI RIPRODURRE IL CALICANTUS PER SEME;CHIEDO SE DEVO SEMINARE L’INTERO BACELLO,OPPURE SE DEVO TOLIERE I SEMI AL SUO INTERNO. GRAZIE

    1. I semi delle piante ornamentali sono assai diversi epr forma e dimensioni. Talvolta i tegumenti cuoiosi, duri o carnosi, possono ostacolare l’inizio della germinazione. Nei vivai, in questi casi, si ricorre ad una serie di interventi che vanno dalla stratificazione in ambiente umido e fresco all’immersione in liquidi bollenti per pochi secondi, o in soluzioni acide per diversi minuti, o interventi meccanici per vincere l’impermeabilità del tegumento. La stratificazione ha lo scopo di provocare il disfacimento della polpa del frutto o di ridurre l’impermeabilità dei tegumenti dei semi: si dispongono i frutti o i semi a strati, alternandoli con sabbia o torba umida, all’aperto o sotto una tettoia, al riparo da roditori e dagli uccelli. La durata della stratificazione può oscillare fra i 6 e gli 8 mesi, secondo le caratteristiche dei semi. Nel caso dei semi con tegumento duro, impermeabile all’acqua, può essere utile inciderlo o romperlo prima della semina, in modo da rendere più rapido e agevole il rigonfiamento del seme stesso: si interviene con una lima o con un piccolo coltello affilato, facendo attenzione ad incidere solo gli strati più estesi dei tegumenti. Tra le diverse composte adatte per la semina, una delle più note è la composta da semi John Innes.

  5. Non ho trovato notizie riguardo la modalità di riproduzione di nuove piantine di calycanthus praecox: per talea, per seme? vi sarei grata della informazione

    1. La tecnica di propagazione più semplice è il distacco dei palloni in primavera e in autunno, ripantandoli direttamente a dimora. Un’altra tecnica molto semplice è la propaggine in settembre: si scelgono dei rami molto lunghi, li si incide sul lato inferiore e li si interra. Le nuove piante si possono staccare dalla pianta madre dopo 2 anni. Si può anche seminare in autunno, in una composta da semi contenente torba e sabbia in parti uguali, in un luogo riparato ma non riscaldato. Appena le piantine sono maneggevoli, si invasano singolarmente. La messa a dimora definitiva avviene dopo 3 o 4 anni.

  6. la mia pianta era bellissima ma da due anni si seccano alcuni rami, che poi devo tagliare, ci sono rimedi? grazie , la pianta madre ha ormai 40 anni.

    1. Dopo la fioritura si accorciano i rami delle piante coltivate in zone ristrette. Se la chioma è eccessivamente folta si asportano completamente un certo numero di rami.
      I calicanto si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino fertili e in posizioni soleggiate, al riparo da venti freddi. Gli arbusti necessitano di una potatura leggera, per sfoltire i rami, dopo la fioritura. Le piante coltivate contro i muri si potano in marzo, tagliando tutti i rami che hanno prodotto fiori, a 5/10 cm dalla base.
      Dici che la pianta era bellissima, e da alcuni anni si seccano alcuni rami, che poi devi tagliare. La pianta madre ha 40 anni, ti consiglio di rinnovarla un po’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.