La camelia: collocazione, consigli e cure delle camelie

Camelia

La regina del mese: la camelia. Ad eccezione di alcune specie e varietà, le camelie possono essere coltivate all”aperto in quasi tutta Italia. Preferisce climi temperati sufficientemente umidi, fiorisce alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera. Viene danneggiata da venti sia freddi, sia caldi, perciò deve essere collocata in posizione riparata. Le varietà resistono bene alle basse temperature, mentre sono sensibili alla siccità. Le posizioni migliori sono quelle semi-ombreggiate. Le camelie preferiscono l’ombra rispetto al sole in quanto le foglie si bruciano facilmente, e i boccioli non sono capaci di fiorire. I fiori possono essere danneggiati dalle gelate, soprattutto quando le piante sono colpite direttamente dai raggi del sole del mattino. Verificate le condizioni, è consigliabile aggiungere al terreno del terriccio di foglia sotto le piante. Ogni anno si effettua un’abbondante pacciamatura con foglie di torba e letame ben maturo: in questo modo si evita lo sviluppo di erbe infestanti e si mantiene il terreno in buone condizioni di umidità.

Se le camelie vengono coltivate all’esterno in vaso moderate le innaffiature: in inverno appena quanto basta affinchè le radici non si gelano e vaporizzare le foglie di tanto in tanto; in estate annaffiare la sera o nelle prime ore del mattino. Consiglio: se l’acqua del vostro acquedotto è calcarea, riempire l’annaffiatoio alla sera aggiungendo mezzo cucchiaio di aceto e lasciare riposare per una notte: al mattino usarla per bagnare. Questo trucco vale per tutte le piante acidofile.

Le piante coltivate in terreno calcareo presentano spesso macchie di colore marrone scuro sulle foglie. Concimare dopo la fioritura in primavera o inizio estate con fertilizzante specifico. Una buona media è ogni due settimane, tra aprile e luglio. La potatura si effettua in maggio, o comunque dopo la fioritura: si eliminano i rami secchi. In questo periodo si esportano anche i rami cresciuti irregolarmente, e si effettua qualche cimatura per rendere più regolare la chioma delle piante. Prima della fioritura, se i boccioli sono troppo abbondanti, è consigliabile eliminarne un certo numero: in questo modo si otterranno fiori più belli. Le camelie non amano cambiamenti continui da un luogo all’altro: prima di collocarla studiare bene dove metterla. Si raccomanda alta umidità, terriccio acido e poroso (tipo torba.

Malattie: parassiti  come la cocciniglia, che si forma a causa della secchezza della terra o dei ristagni di acqua.

VN:F [1.9.22_1171]
Valuta questa scheda
Rating: 8.3/10 (6 votes cast)

Puoi inserire un commento/domanda qui sotto.

36 Commenti/Domande per “La camelia: collocazione, consigli e cure delle camelie”

  1. Nike scrive:

    ho acquistato in un ipermercato una camelia japonica con diversi boccioli di circa 1 cm di lunghezza. Non l’ho messa in balcone perchè sicuramente venendo da una serra ho preferito metterla in casa accanto ad una finestra per via della luce. Appena le temperasture esterne saranno accettabili la metterò in balcone.
    Nel giro di una settimana l’ho annaffiata con acqua non calcarea una volta , ma i boccioli si stanno seccando tutti. Cosa posso fare? Perchè avviene questo?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  2. verdeblog scrive:

    La camelia è una pianta di grande bellezza, amante del freddo e degli ambienti ventilati. E’ una delle poche varietà che fiorisce in inverno. Ha bisogno di luce in abbondanza, ma non sopporta il sole diretto. Ha bisogno di umidità. Mantenere la zolla uniformemente umida quando la pianta è senza fiori e non appena si formano i boccioli.
    Preferisce gli ambienti freschi. In inverno la temperatura ideale si aggira intorno agli 8 gradi, senza superare i 12. Penso che la tua camelia in questo lasso ha patito sia per l’acqua (anche se hai usato quella non calcarea), sia per la differenza di temperatura tra la serra e il dentro casa. L’ideale adesso è collocarla in un luogo ventilato, fresco e luminoso (ombra parziale), fino alla fine di luglio. E’ possibile aggiungere concime per azalee applicandolo ogni 10/15 giorni. Non somministrare se il subastro è eccessivamente secco.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  3. Nike scrive:

    Grazie per la risposta, ora però la camelia che ho osservato meglio, presenta alcune foglie che sono bucate con asole tonde marroni una vicino all’altra che creano una rete trasparente. Inoltre un paio di rami e la base di alcune foglie sono ricoperte di una sostanza bianca. E’ mal bianco?
    E le foglie bucate? Cosa posso fare?
    Grazie mille per la risposta.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    • verdeblog scrive:

      Anche le camelie possono essere attaccate da cocciniglie e afidi. Proprio ora, poco prima che la primavera si risvegli, può succedere che il margine delle foglie delle camelie inizi a ingiallire. Se ciò accade è senz’altro colpa di un livello di acidità del terreno causato dall’acqua troppo calcarea (basta far decantare per qualche ora quella del rubinetto). Le piante coltivate in terreni calcarei presentano molto spesso piccole macchie di colore bruno o rossastro. Vuol dire che la pianta è stata attaccata da un fungo. In questo caso c’è bisogno di irrorare le parti colpite con degli anticrittogamici. Si deve poi controllare periodicamente il ph del terreno ed eventualmente correggerlo, spargendo un cucchiaio di zolfo in polvere uniformemente sulla superficie del terreno o del vaso. Ricordarsi: le camelie vogliono un clima fresco, e prediligono l’esposizione a mezzombra. Richiedono terriccio specifico per acidofile e acqua poco salina e priva di calcare e priva di cloro.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  4. jake scrive:

    ciao avrei cortesemenye bisono di sapere perche cade il fiore di le camelie prima de aprire cracie mile

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
  5. Arwen88 scrive:

    Bellissima foto… Posso chiedere di poterla usare per un mio lavoro di grafica? Mi farebbe molto piacere e comunque inserirei i credits della sua provenienza.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  6. antonio scrive:

    ho diverse camelie, alcune comprate, altre da me seminate, di diverso colore. una ha circa 200 anni, color rosa. al suo interno ha molti rami secchi, che penso andrebbero potati, ma io non ne ho il coraggio. la domanda è: posso farlo senza paura? dimenticavo di dire che fiorisce a dicembre, moltissimi fiori. produce semi

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
  7. verdeblog scrive:

    @antonio
    La potatura non è strettamente necessaria nella coltivazione della camelia. E’ necessario invece il taglio dei rami spezzati o di quelli vecchi ormai esauriti. In tutti i casi si taglia al termine della fioritura senza attendere oltre maggio /giugno perchè i boccioli si formano a partire dal mese di giugno.
    Si eliminano i rami secchi e si asportano anche i rami cresciuti irregolari, e si effettua qualche cimatura per rendere più regolare la chioma della pianta. Prima della fioritura se i boccioli floreali sono troppo è consigliabile eliminarne un certo numero : in questo modo si otterranno fiori più belli. Puoi togliere adesso solo tutti i rami secchi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  8. rita scrive:

    Sono Rita e purtroppo la mia camelia ha incominciato ha perdere le foglie appena la sbocciatura di due fiori ora é rimasta senza mantenendo tutti i boccioli pero’ come si vede fanno fatica a fiorire cosa sara’ successo?
    La pianta é disposta a nord – est anche bene ombreggita sotto il porticato . Cosa devo fare?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 2.0/5 (1 vote cast)
  9. verdeblog scrive:

    La camelia, ad eccezione di alcune specie e varietà, possono essere coltivate all’aperto, preferiscono climi temperati, sono danneggiati dai venti sia freddi, sia caldi e secchi. Teme le temperature estreme, perciò devono essere collocate in posizioni riparate. Amano il caldo ma quello eccessivo (come il freddo) può danneggiarla. E questo inverno è stato particolare. Le cause: possono essere: hai dato troppa acqua non assicurandoti di un efficiente drenaggio, o il freddo e le gelate che possono provocare deformazioni nelle foglie, e danneggiare irreparabilmente le gemme che fanno fatica ad aprirsi. Per ora non fare niente, la stagione non lo permette. In maggio o comunque dopo la fioritura prova a potare: si eliminano i rami secchi, e in questo periodo si asportano anche i rami cresciuti irregolarmente, effettuando qualche cimatura per rendere più regolare la chioma. Se la zolla non ha sofferto si riprenderà. In bocca al lupo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
  10. Sonia scrive:

    Ciao, ho trovato casualmente il tuo sito e devo dire che è semplice e diretto nelle spiegazioni. I miei complimenti. Un dubbio però mi è rimasto: ho appena comprato una camelia che ho messo su una terrazza con tetto ed è ben protetta da venti, ha già dei boccioli e si stanno aprendo. Posso trapiantarla in un altro vaso più grande usando terra per azalee o devo aspettare la fine della fioritura. Il tipo di terreno va bene?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
  11. Daniela scrive:

    Parliamo sempre di piante e mai di vasi. Che differenza c’è , nell’annaffiatura, tra vaso di plastica e di coccio?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  12. verdeblog scrive:

    @sonia
    Tutto bene quello che hai già fatto. Chiedi se puoi trapantiare la camelia ora (primavera). Questa pianta può essere tenuta anche per diversi anni nello stesso vaso, rinvasando solo quando è assolutamente necessario, in settembre/ottobre oppure marzo. I migliori terreni sono quelli senza calcare, acidi, sciolti, ricchi di sostanza organica, ben drenati. I vasi si usano di 30/40 centimetri, riempiti con composta formata da 4 parti di terriccio da giardino (non calcareo), 2 parti di torba o terriccio di foglie e 1 parte di sabbia grossolana. E’ molto importante che l’acqua utilizzata per le irrigazioni non sia calcarea. Dopo la fioritura i fiori vanno asportati.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  13. Sonia scrive:

    Grazie infinite per la spiegazione chiarissima. Aspetterò settembre per travasarla. Ora è in un vasetto da 14 cm e da quello che mi dici (30-40 cm) conferma il mio timore di vedere questa pianta molto sacrificata! Spero di riuscire a non far danni nel miscelare la terra. Grazie ancora!!!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  14. roberto scrive:

    HO una pianta,non grande,in vaso  le foglie si stanno macchiando di marrone e cadono. che posso fare?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  15. verdeblog scrive:

    @roberto
    Forse troppa acqua. Le camelie non amano l’acqua troppo calcarea. E’ molto importante che l’acqua utilizzata per le irrigazioni non lo sia, e preferiscono posizioni semiombreggiate.
    Malattie e parassiti: la comparsa di macchie fogliari grigio nerastre o di chiazze brunastre sui petali con successiva caduta dei fiori e foglie. Può anche essere una malattia fungina. Usare prodotti fungicidi, se potete bagnatela con acqua piovana

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  16. nunzia scrive:

    ho comprato una camelia che tipo di terreno devo mettere e come faccio a sapere se l’acqua che uso contiene troppo calcare? Io vivo a caserta il mio balcone ha ombra la mattina ed e’ molto soleggiato per il resto della giornat. Se qualcuno mi puo’ rispondere grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  17. maria rosaria zaccagnino scrive:

    Ho tenuto una camelia per molti anni su un terrazzo a nord(sole da fine aprile a fine agosto), non è mai fiorita,(al mio vicino, stessa posizione, sì). L’ho spostata un anno fa a sud in piena terra, non è fiorita.Cosa mi consigliate?Basta concimarla con concime per piante acidofile?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 1.0/5 (1 vote cast)
  18. verdeblog scrive:

    Le camelie fioriscono a febbraio, ma molto dipende dall’andamento stagionale e anche dall’esposizione e dalla collocazione. Non è sempre semplice individuare la giusta collocazione, e in buona parte del nostro territorio nazionale alcune esigenze sono contrastanti. In ogni caso le camelie devono essere difese dal freddo, dal vento (freddo o caldo che sia). Questo è sempre un nemico da non sottovalutare, ed è bene coltivare le camelie in un luogo riparato. Per ora lascia così, a fine marzo/aprile rinvasare con terriccio sempre a reazione acida, soffice, leggero, tra quelli specifici, scartando quelli per piante da fiori. 
    La potatura di solito non è strettamente necessaria nella coltivazione delle camelie. E’ necessario invece il taglio dei rami spezzati, quelli vecchi ormai esauriti, foglie bruciate. In tutti i casi si taglia al termine della fioritura. Non preoccuparti, è una pianta rustica e si riprenderà.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  19. verdeblog scrive:

    @maria rosa
    La situazione di sofferenza che si ravvisa nella tua camelia può essere causata anche dal terreno non idoneo nel quale essa viene coltivata. La camelia prospera infatti solo su terreni ben drenati, sciolti, privi di calcare, ricchi di sostanza organica e a reazione acida, e per garantire una crescita rigogliosa piantare le camelie a una profondità non superiore ai 2,5cm protetta dal sole intenso e dalle correnti fredde. Ti consiglio di concimare in primavera e all’inizio dell’estate con un fertilizzante specifico per camelie.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  20. milena scrive:

    Buongiorno, ho una camelia da diversi anni abbastanza grande, diciamo sui 180 cm tenuta in vaso sul terrazzo e in una zona di mezzombra. La posizione ottimale nella quale si trova ora ha sempre permesso di avere delle bellissime fioriture con mia somma soddisfazione. E’ una camelia japponica con fiori rosa che una volta sbocciati non hanno pistilli nel mezzo ma sono tutti petali. Quest’anno nonostante i grossi boccioli siano pronti per aprirsi, non si aprono e cadono prima e i petali più esterni hanno un bordo marroncino come se fossero bruciati ma in relatà l’unico sole che prendono è quello delle prime ore del mattino, gli anni precedenti non si è mai verificato. Inoltre anche le foglie sembrano secche, e cadono. Immagino che ormani nonostante il tripudio di boccioli belli gonfi, nn ci sarà fioritura per quest’anno. Cosa posso fare?
    Grazie mille per un suo prezioso consiglio.
    MIlena

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
  21. Emanuela scrive:

    Ciao,
    anche per me come Milene la mia Camelia è in posizione ottimale ed è coltivata in vaso, i boccioli sono semi aperti, ma non finiscono di aprirsi che cadono, le più delle foglie sono giallastre e cadono, non la vedo molto bene… cosa posso fare???Grazie Emanuela

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 4.0/5 (1 vote cast)
  22. Gaetano scrive:

    Sito ben fatto 
    Volevo sapere perché le mie camelie hanno foglie gialle altre cadono 
    addirittura una sta rimanendo con poche foglie i fiori sono pochi quelli
    che sbocciano ora ho messo riporto di compostaggio ed visto che c’era 
    troppa acqua nel sottovaso sono diversi giorni che non annaffio sono 
    esposte a nord sotto un portico .
    Secondo te le fogile gialle sono per un eccesso d’acqua essa e molto calcarea

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  23. verdeblog scrive:

    @emanuela
    Quando la pianta perde le foglie, anche la caduta dei bottoni può essere stata provocata da troppo caldo o da un terriccio asciutto o anche dal ristagno dell’acqua. Perchè la camelia goda buona salute il terreno deve essere ben aerato, con un elevato tenore di humus e un PH sui 4,5/5,5. Se in vaso la terra deve essere composta di torba, sabbia di fiume, argilla espansa. Tenere sempre la terra umida, in modo uniforme, e concimare da quando la pianta comincia a germogliare fino alla fine di giugno. In seguito si riducono le annaffiature. Non utillizzare mai acqua calcarea. La camela vuole un’esposizione semisoleggiata, anche se l’ideale sarebbe tenerla al mattino al sole e spostarla all’ombra il pomeriggio. Importante è soprattutto che la temperatura invernale si mantenga tra i 16 e i 18 gradi, e non superi i 12 gradi. La comparsa dei boccioli è favorita da una temperatura tra i 20 e i 25 gradi, ma per evitare che cadano è necessario tenere la pianta fino alla fioritura a una temperatura di 15 gradi. Posizione luminosa ma non sole diretto, poca acqua e sottovaso asciutto. Irrorare spesso la pianta.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  24. verdeblog scrive:

    @gaetano
    Grazie per il complimento al sito. Per avere la camelia in buona salute è importante che il terriccio sia specifico per acidofile. Le camelie vogliono un clima mite, fresco, e prediligono l’esposizione a mezz’ombra. Non utilizzare mai acqua calcarea. Si può rimediare facendo decantare per qualche ora quella del rubinetto o acqua distillata che si usa per il ferro da stiro. Quando la pianta perde le foglie ingiallisce e anche i boccioli cadono. E’ senz’altro colpa di un livello di acidità del terreno troppo alto, causato dall’acqua troppo calcarea, da un terriccio troppo asciutto e soprattutto dal ristagno dell’acqua nel vaso. Hai fatto bene a sostituire lo strato superficiale del terriccio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 4.0/5 (1 vote cast)
  25. catia scrive:

    salve, sono catia e possiedo 3 camelie che amo perticolarmente, ma quest’anno 1 non ha fatto i bocci ma ha messo delle belle foglie verdi dopo che gli ho dato l’organferro da tenere presente che tale camelia è piantata in vaso e vive da circa 3 anni su di un terrazzo dove batte il sole dall’alba a mezzogiorno;vorrei sapere se è malata o se  si sta riposando.grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  26. mauro scrive:

    ciao,
    dallo scorso febbraio ho una camelia che ho posizionato in balcone in zona semisoleggiata, ma abbastanza esposta al vento. La terra cerco di tenerla sempre umida. Nonostante ciò, da febbraio fino ai primissimi giorni di maggio, la pianta ha emesso moltissimi boccioli che non si sono mai aperti: rimanevano chiusi e chiusi cadevano dopo diverse settimane. Inoltre vi erano macchie marroni sul collo del bocciolo e su qualche foglia. Quale potrebbe essere il problema? Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  27. Simona scrive:

    Ho notato che altri come me hanno lo stesso problema, ho acquistato la mia camelia i primi di aprile, l’ho scelta tra le tante perché era piena di boccioli.
    Appena a casa l’ho subito travasata in un vaso grande, ho messo l’argilla espansa sotto e la terra che mi ha consigliato il vivaista, purtroppo la temperatura si è abbassata parecchio e c’è stato anche molto vento, ho letto che non ama le correnti..
    Tornando al problema principale, la maggior parte dei boccioli sta cadendo senza fiorire, hanno l’esterno tendente al marrone, oggi però ho anche notato che ci sono dei nuovi germogli è finalmente un fiore si è aperto.

    Cosa può aver provocato la caduta di tutti quei boccioli senza la loro fioritura?
    Spero che qualcuno mi aiuti, ci tengo veramente tanto.
    Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    • verdeblog scrive:

      La camelia si pianta in settembre/ottobre, o in marzo/aprile, utilizzando terriccio senza calcare (acido). Il rinvaso va fatto dopo che la fioritura sia finita, utilizzando un recipiente più grande del precedente: 2 metri di diametro. Lasciare 7/8cm liberi tra la superficie della terra e l’altezza del vaso: questo spazio sarà perfetto per poter annaffiare e poter arricchire con torba ogni anno.

      La caduta dei boccioli è stata provocata o dal terriccio troppo asciutto oppure dal ristagno dell’acqua nel vaso, o dal trapianto che hai fatto. La comparsa di boccioli è favorita da una temperatura tra i 20 e i 25 gradi centigradi, ma per evitare che cadano è necessario tenere la pianta fino alla fioritura da una temperatura di 15 gradi.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  28. valeria scrive:

    Buon giorno ho piantato un anno fà in giardino circa 20 camelie, tutte tranne una sono fiorite.Questa pianta ha le foglie bellissime verdi ma non ha mai avuto neanche un bocciolo. grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  29. Vincenzo scrive:

    Ho una splendida camelia da un anno e in ottima salute. Purtroppo al ritorno delle vacanze, a causa di un guasto del sistema di irrigazione, ho trovato la camelia con tutte le foglie secche ancora verdi ma che iniziano a cadere. Credo morirà! Posso provare a fare qualche cosa? Ad esempio provare a portarla? Grazie mille per un suo consiglio. Vincenzo

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    • verdeblog scrive:

      Purtroppo le camelie resistono bene alle basse temperature. Vengono danneggiati dai venti freddi o secchi, e sono sensibili alla siccità. Le posizioni migliori sono quelle semiombreggiate. Crescono abbastanza bene al sole purchè non vi siano temperature eccessivamente elevate, e il terreno resti sufficientemente umido. Purtroppo alla tua camelia è mancata l’acqua: non credo che morirà se le foglie sono ancora abbastanza verdi. Per quanto riguarda la potatura viene fatta a maggio o comunque dopo la fioritura: ora puoi provare a fare qualche cimatura per vedere se il gambo è rimasto verde, e regolare la chioma. Cerca di fare l’operazione verso sera o al mattino presto: la pianta non deve essere colpita direttamente dai raggi del sole. Annaffiarla e concimarla per sostenerla nel suo sviluppo e non farle mancare l’acqua.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
  30. Laura scrive:

    HO una camelia in vaso da circa due anni,da qualche settimana perde foglie verdi,ha pochi germogli e bocci microscopici,temo di averla annaffiata troppo,come posso rimediare?Può essere utile cambiare il vaso?Grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    • verdeblog scrive:

      Posizione: luminosa, no sole diretto, poca acqua, sottovaso asciutto. Il terreno è importantissimo per questa pianta, e perchè goda di buona salute deve essere ben areato se coltivato in vaso. Il terriccio: torba, sabbia e argilla espansa, e mantenuto sempre umido in modo uniforme. Concimare con il fertilizzante per azalee, da quando comincia a germogliare fino alla fine di giugno. In seguito si riducono le annaffiature. L’acqua per questa pianta non deve essere troppo calcarea: l’acqua piovana è perfetta (magari farne una scorta durante i temporali).
      Rinvasatura: le piante possono essere tenute anche per diversi anni, nello stesso vaso, rinvasando solo quando è proprio necessario, in settembre, ottobre o marzo/aprile.
      Se la pianta perde le foglie vuol dire che è stata tenuta ad una temperatura troppo elevata, come pure la caduta dei bottoni può essere provocata dal troppo caldo o da un terriccio troppo asciutto o da un ristagno di acqua nel vaso.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
  31. Paola scrive:

    Abito a montese provincia di Modena sono a 900 metri ho una camelia apponi a comprata da poco da una vivaista del luogo che l,aveva già trapiantata ed era già abituata a questo clima adesso e bella fiorita però i fiori sbocciati cadono cosa può essere successo e collocata i luogo riparato grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
  32. Emanuela De Santis scrive:

    Uno una camelia da circa 5 anni ed è sempre stata bellissima e fiorita. Quest’anno , a causa di banali errori le abbiamo dato troppa acqua e ora ha sia i boccioli che le foglie cadenti, come se si stesse seccando…Ho tolto ovviamente il coprivaso che avevamo messo ( pieno di acqua), ma non so cosa fare per salvarla….. Grazie mille in anticipo.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Inserisci una domanda/commento

Note: se inserisci una domanda, specifica in che zona climatica abiti

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Powered by WordPress