VerdeBlog: giardinaggio fai da te

Vuoi prenderti cura delle tue piante di casa e hai bisogno di consigli personalizzati? Vuoi abbellire il tuo giardino o il balcone di casa tua e non sai quali fiori mettere? Su questo blog dedicato al giardinaggio fai da te troverai tante guide e schede tecniche sulle singole piante e specie, i consigli del mese e lo spazio per fare delle domande e ricevere delle risposte da una esperta di giardinaggio con il pollice verde e tanta esperienza.

I consigli di questo mese:

Statice, pianta ornamentale da esterno

Lo statice (limonium) si pianta all’aperto, generalmente meglio se in località marine. Più raramente si può coltivare in vaso sul terrazzo o sul balcone.

Statice

Statice

Cura delle piante di statice: le specie perenni resistenti si mettono a dimora all’inizio della primavera e quelle annuali in aprile maggio. Il terreno deve essere sabbioso e ben drenato. Le piante vanno collocate a 30/40 centimetri tra di loro, secondo lo sviluppo. In vaso si uno strato fertile e si provvede poi, a distanza di 2 mesi, all’irrigazione periodica con un fertilizzante liquido nella dose di 10 grammi/decalitro di acqua. Richiede un’esposizione al sole, si bagnano le piante solamente se necessario evitando ristagni. In autunno si tagliano raso terra le varietà perenni. Per le specie perenni coltivate in vaso si effettua a inizio primavera.

Consigli: come annaffiare in inverno

innaffiatura in casaIn inverno il riscaldamento domestico rischia di asciugare l’aria eccessivamente e di danneggiare le piante. Un consiglio: provvedere quindi a mantenere umido il terreno e, una volta al mese, mettiamo le piante con tutto il vaso nella vasca da bagno, per poi annaffiare con acqua non troppo fredda. In questo modo puliremo le foglie dalla polvere e inumidiremo la terra.

Non bagnare le piante sempreverdi quando fa molto freddo
Durante i mesi invernali, quando le temperature si abbassano, può capitare che le specie sempreverdi pieghino le foglie e le piante assumano un aspetto sofferente, quasi se soffrissero la disidratazione.

Anche la superficie del terreno sembra asciutta, ma con le basse temperature non bisogna bagnare le piante perchè così facendo l’acqua – ghiacciando – provocherebbe danni ai tessuti delle piante.

Il cirmolo (pino cembro)

pino cembroIl pinus cembra è un pino alto generalmente intorno ai 15 metri, anche se qualche esemplare ariva fino a 25 metri. E’ molto diffuso lungo l’arco alpino e particolarmente ricercato per il suo legno.

Dalla corteccia grigiastra e dalla chioma con andamento cilindrico è facilmente riconoscibile per gli aghi riuniti a gruppetti di cinque, una particolarità che distingue il pino cebro da tutti gli altri pini. Questa caratteristica insieme al colore verde scuro intenso rende i suoi rami adatti alle composizioni.

Cura della vite in inverno

vite pizzutelloLa vite è perfetta per vestire una pergola o un cordone fissato nel muro. La vite si adatta a qualsiasi clima, ma predilige il pieno sole. Va innaffiata con regolarità, concimata una volta l’anno, in novembre/dicembre, con della carmunghia. Per un vaso di 40 centimetri usatene 50 grammi da mescolare con il terreno in superficie.

Da adesso (inizio anno) fino ad aprile è il momento per mettere a dimora una vite. Non serve neanche un giardino, si adatta bene anche alla coltivazione in vaso. Questo però deve essere grande da subito almeno 40 centimetri.

Come fare. Prendete il vaso, mettete sul fondo dell’argilla espansa e quindi del terriccio universale alleggerito con un 10% di pomice o lapillo vulcanico. Al centro fate un monticello di terra su cui distendere le radici. Fate attenzione che l’ultima gemma si trovi fuori dalla terra. Coprite e bagnate. Piantate adesso la barbatella (piantine innestate e radicate, a radice nuda, che rispetto alle piante in vaso costano meno e sono facili da trasportare). Comincierà a vegetare ad aprile, ma da quel momento crescerà veloce.

Le varietà più robuste sono la fragola nera, il clinto bianco, il pizzutello bianco (molto dolce) e la sultanina (dalle foglie rosse in autunno).

cornus florida

Cornus florida, arbusto e siepe

E’ una pianta molto rustica, resiste a temperature basse, ha una crescita veloce, di facile coltivazione. Fiore originario della parte meridionale del nord america, in giardino si utilizza come pianta isolata, a siepe, o in piccoli gruppi per formare una macchia di colore. Nel mese di maggio compaiono i fiori accompagnati da grandi brattee colorate. Le foglie sono di colore verde scuro, in autunno si colorano di rosso prima di cadere. Il fiore vero e proprio è piccolo e poco significativo. Ad interessare sono le brattee grandi che compaiono a maggio in questa varietà rosse.

Consigli: si pianta in pieno sole al nord, in ombra parziale al sud o dove il sole molto caldo potrebbe danneggiare le foglie. Vive allo stato spontaneo in terreni freschi. In caso di siccità e di gran caldo deve essere irrigato a interventi regolari, il terreno fertile e fresco, mai secco, ricco di humus, senza ristagni. Si pianta in autunno o in primavera limitando la potatura.

Powered by WordPress