Tagete, per colorate bordure. Consigli sui tagetes

Fra le piante più utilizate negli anni ’60, i tagete hanno poi conosciuto un periodo di oblio e di avversità. Oggi invece sono tornati a guadagnare spazio. In giardino formano aiuole di sapore antico, con colori moderni. In Messico sono anche utilizzati per riti funerari, in India e Thailandia i tagetes vengono usati per ghirlande colorate in occasione di matrimoni ed eventi religiosi.

Preferire piante piccole ma vigorose, non allungate e deboli, ma che promettono di poter crescere e vivere fino all’autunno. Nel periodo esitvo si coltivano in tutto il territorio nazionale, in piena terra o in vaso, utilizzando un terriccio da fiore. Le foglie sono lucide, di un colore verde scuro. I fiori sono simili alle margherite, ma diversi da varietà a varietà nella forma e nel colore.

Posizione: sempre in pieno sole, e nella posizione più calda del giardino. Bagnare con abbondanza solo se il terreno è ben drenato, non argilloso, e se la temperatura è alta.

Quando piantare i tagete: si piantano quando le temperature notturne si sono stabilizzate (muoiono all’arrivo del freddo). Concimare ogni 10/12 giorni con un fertilizzante liquido per piante da fiore. Si riproduce per semina a partire da marzo, protetto, con temperatura stabile di 18 gradi.

Il tagete merita di essere riscoperto, non importa quale varietà. Per esempio potrebbe essere abbinato a zinnie, rudbeckie. Impiegato in varietà di taglia media o alta, con fiori grandi. Invece di monotone lunghe bordure si potrebbero creare macchie di colore intenso, da alternare ad altre piante di colore giallo e rosso, che riprendano il colore di base del tagete. L’accostamento di varietà di colore diverso fa un buon effetto d’insieme.

 

I tagete sono piante adatte al pieno sole e vanno bagnate con regolarità senza infradiciare però il terriccio. Fioriranno fino all’arrivo dei primi freddi.

Si consiglia di togliere i fiori appassiti, spezzando il fondo sotto il calice con le dita. Questa tecnica non induce una maggiore salita afiore ma prolunga la durata dei capolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.