Cosa fare in caso di foglie gialle, scolorite, punte secche, bordi scuri

Punte secche nelle foglie: sono indice di una scarsa umidità ambientale. Durante l’inverno si può mantenere una giusta umidità necessaria alle piante d’appartamento mettendole vicine ad una bacinella d’acqua in modo da creare un microclima a loro ideale.

Se si sono formate delle punte secche per una scarsa umidità ambientale bisogna tagliare la punta delle foglie perchè secche e antiestetiche, lasciando sempre un margine di un millimetro, altrimenti la pianta la riformerà subito come difesa del limite della foglia perchè se tagliamo sulla parte verde il disseccamento si espanderà di più.

Bordi scuri e foglie che ingialliscono: se controllando il terreno di camelie, rododendri, azalee e gardenie notiamo degli imbrunimenti lungo i margini delle foglie (bordi delle foglie che si scuriscono), come pure un ingiallimento diffuso, significa che il valore di acidità del terreno non è corretto. Può accadere per le continue annaffiature con acqua del rubinetto, generalmente calcare, che modifica il PH della terra.

Soluzione: bisogna intervenire subito aggiungendo torba al terriccio, e riservando annaffiature a base di acqua piovana, distillata o acqua minerale.

Foglie che scoloriscono. Se le nostre piante presentano delle foglie ingiallite/scolorite i rimedi sono generalmente due: apportare luce e ferro. Se le foglie delle nostre piante tendono a scolorirsi, le cause possono essere infatti due:

  1. la luce non è sufficiente (e in questo caso non bisogna fare altro che avvicinarle alla finestra) oppure
  2. nel terreno c’è carenza di ferro. Nel secondo caso basta distribuire con la prima annaffiatura del fertilizzante appropriato.

E una volta scelto dove collocare una pianta non si deve spostare frequentemente: le foglie infatti si adattano a ricevere la luce del sole da quella precisa angolazione.