Enkianthus, piccole campanelle

Consigli di giardinaggio sulle piante di enkianthus: dove coltivarle, che tipo di cure applicare, quali sono le condizioni ideali per quanto riguarda le inaffiature e il terreno.

Esemplare di Enkianthus
Esemplare di Enkianthus

Gli enkianthus si coltivano in piena terra, come piante singole o in piccoli gruppi in parchi e giardini e in bordure miste, su terrazzi e balconi. Vengono coltivati in fioriere o contenitori.

Si mettono a dimora in autunno (nelle zone a inverno freddo) o a primavera in terreni acidi o neutri, mai calcari. Le fioriere e i contenitori devono essere sufficientemente grandi (almeno 20/30 cm di diametro, in modo da evitare i rinvasi), poichè amano restare il più a lungo indisturbate. Il terriccio deve essere composto da 2/3 di terra fertile e 1/3 di torba.
In primavera, ogni 20/30 giorni, aggiungere all’acqua di irrigazione 15 grammi di concime complesso per decalitro. La potatura non è necessaria, serve solo per eliminare qualche ramo secco, danneggiato o disordinato. L’esposizione: soleggiata ma anche a mezzombra. L’annaffiatura va effettuata solo nei periodi di siccità prolungata, soprattutto per le piante giovani o per quelle in fioriere o contenitori.
Gli enkianthus si riproducono in agosto/settembre per talee semilegnose (ramo dell’anno, più una porzione del ramo portante) lungo una decina di centimetri, in modo da far radicare in cassette con subastro a base di torba e sabbia in parti uguali. Nella primavera successiva si invasano singolarmente: si mettono a dimora dopo due o tre anni.
Gli enkianthus sono piuttosto resistenti a malattie e parassiti. Possono essere infestati dalle cocciniglie: in questo caso trattare con anticoccicidi dopo aver eliminato le parti più colpite.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.