Il rododendro – Consigli e risposte sulle piante di rododendro

Presentazione: il rododendro praecox è una specie dei primi ibridi più resistenti di altri. La caratteristica fioritura precoce lo rende ideale come pianta da terrazzo. I fiori compaiono da marzo ad aprile, in mazzetti da due o tre alle estremità dei rami.

Consigli: tollera bene le normali variazioni della temperatura ma è sensibile alle gelate. Coltivare in un grande contenitore, mantenere asciutto il terriccio in inverno. Nelle zone calde vegeta bene in penombra. Innaffiatura: bBagnare in abbondanza in estate, con acqua priva di calcare oppure piovana oppure anche quella derivante dalla sbrinatura del vostro freezer. Diminuire le annaffiature nel periodo invernale, e se l’inverno è rigido mantenere il terriccio appena umido. Terriccio: coltivare in un terriccio a base di torba, adatto alle ericaceae (famiglia alla quale il rododendro appartiene). Se il rododendro appare debole utilizzare un fertilizzante specifico per rododendri, e dosarlo ogni due settimane.

Problemi e consigli: i rododendri vanno potati in inverno qualora siano cresciuti selvaticamente o senza molte attenzioni. Altri problemi: ingiallimento delle foglie, in questo caso trattare con una soluzione per floricultura a base di ferro.

12 thoughts on “Il rododendro – Consigli e risposte sulle piante di rododendro

  1. buongiorno signora Lina,per prima cosa le faccio i miei migliori auguri per questo nuovo anno,anche se un pò in ritardo,le faccio i miei complimenti per il suo blog,(interessantissimo)dunque la domanda che le porgo è questa:ho in giardino da trè anni un rododendro nano,che ogni anno mi fà una stupenda fioritura,ma oimè ha sempre tutte le foglie come fossero sabbiate,sinceramente non è il massimo,ora le chiedo gentilmente se mi può dare dei consigli per ravvivare lo stato di salute della mia pianta che a mio avviso stà soffrendo,la ringrazio già fin d’ora,cortesemente la saluto.Valentino

  2. Salve! Io ho un problema con il mio rododendro. Quando l’ho acquistato( un mese e mezzo fa circa) aveva dei fiori bellissimi rossi ed ha continuato a fiorire fino a circa 10 giorni fa. Ora le foglie nuove sono di un verde molto chiaro e sembra ancora più chiaro di quello che è in quanto sono ricoperte da una “patina” polverosa bianca. Viene via facilmente con le dita, io l’ho tolta come meglio sono riuscita con un panno bagnato.
    Il rododendro l’ho collocato in una zona ombrosa del mio balcone, all’inizio no ma ora innaffio solo con acqua piovana o quella del rubinetto con l’aggiunta di un’anticalcare. Ho anche concimato con un prodotto apposito per azalee,rododendri e ortensie fatto di palline grigie. Mi potete aiutare???

    Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    1. In un caso come questo, in cui hai fatto l’impossibile, a rischio di apparire scontati bisogna che ripercorri passo per passo le cure colturali eseguite così da individuare la possibile causa della sofferenza del tuo rododendro. Come ben sai il terriccio per questa pianta deve essere acido, assolutamente non superiore a ph 5,5 e non vi deve essere calcare attivo (non miscelare quindi sabbie che possano essere calcaree). Controllare quindi il terriccio.
      Il rododendro soffre di ristagni idrici: l’asfissia radicale può provocare danni simili a quelli riscontrati, verificare quindi il drenaggio del vaso, la posizione (al riparo dai forti venti e in posizione fresca nel periodo estivo).
      Da ultimo consideriamo la possibile presenza di parassiti. Attenzione alle cocciniglie, afidi: sono alcuni dei più comuni parassiti animali che colpiscono le piante: si eliminano con prodotti specifici in commercio. Comunque i sintomi presenti sulle foglie potrebbero essere causati da marciumi radicali, occorre evitare che si verifichino ristagni d’acqua.
      Per la concimazione dei rododendri c’è la soluzione “Bayer Nutrimento azalee e rododendri”, nella formulazione liquida per fertirrigazione. Questo concime garantisce il giusto apporto di elementi nutritivi (attenersi alle dosi prescritte in etichetta). Come acqua puoi usare quella distillata oppure l’acqua piovana.

  3. Buongiorno, vi scrivo perchè il mio meraviglioso rododendro ha da un po di tempo un grosso problema ,forse più d’uno. praticamente all’inizio è partito tutto con i boccioli che appena uscivano ed erano belli rotondetti cadevano senza schiusura di fiore poi ho notato che la parte legnosa si squamava e che le foglie ingiallivano e si scurivano mangicchiate dai bordi ….l’ho trattata per via sistemica e per via aerea ma dopo un primo miglioranmento ovvero una fioritura è ripiombata nel problema precedenti..non so più cosa fare potete aiutarmi in qualche maniera?

    ah dimenticavo di dirvi che è piantato a terra e il terreno è di un bosco di castagni….

    grazie e a presto

    1. Questa pianta può accusare nel periodo estivo alcuni problemi. Bisogna ripercorrere passo per passo le cure colturali effettuate così da individuare la possibile causa della sofferenza dell’esemplare. Il terriccio per il rododendro deve essere acido e quindi assolutamente non superiore a ph 5,5, e non vi deve essere calcare attivo. Non miscelare quindi sabbia che possa contenere calcare, e controllare il terriccio con cui è stato effettuato il rinvaso. Questa pianta soffre di ristagni idrici: l’asfissia radicale può provocare danni simili a quelli riscontrati, verificare quindi il drenaggio. Eccessive temperature estive possono provocare diffuse ustioni alle foglie, come d’altronde anche venti forti e secchi. Posizionare allora la pianta al riparo da forti venti e in posizioni più fresche in estate.
      Da ultimo consideriamo la possibile presenza di parassiti: i sintomi presenti potrebbero essere causati dal marciume radicale. I rimedi sono di efficacia limitata e vale assai più la prevenzione: occorre evitare che si verifichino ristagni d’acqua che favoriscano l’insorgere delle infezione. La pianta può sopravvivere se il problema è limitato, ma dobbiamo comunque intervenire sul terreno e sul drenaggio. Nelle piante in vaso sostituire il primo strato di terra con terriccio per acidofile e annaffiare poco con acqua non calcarea. Passata la fioritura è buona norma togliere tutti i fiori appassiti recidendo immediatamente sotto la prima coppia di foglie.

  4. Buongiorno sono Francesca. Ho un rododendro in giardino. Da qualche settimana presenta foglie con qualche macchia giallo-marrone e le foglie sono abbassate. Quale può essere la causa? Il giardino è in una zona un po’ ventosa e la pianta ha il sole al mattino. Cosa posso fare? Grazie.

  5. buongiorno signora Lina,per prima cosa le faccio i miei migliori auguri per questo nuovo anno,anche se un pò in ritardo,le faccio i miei complimenti per il suo blog,(interessantissimo)dunque la domanda che le porgo è questa:ho in giardino da trè anni un rododendro nano,che ogni anno mi fà una stupenda fioritura,ma oimè ha sempre tutte le foglie come fossero sabbiate,sinceramente non è il massimo,ora le chiedo gentilmente se mi può dare dei consigli per ravvivare lo stato di salute della mia pianta che a mio avviso stà soffrendo,la ringrazio già fin d’ora,cortesemente la saluto.Valentino

  6. Salve! Io ho un problema con il mio rododendro. Quando l’ho acquistato( un mese e mezzo fa circa) aveva dei fiori bellissimi rossi ed ha continuato a fiorire fino a circa 10 giorni fa. Ora le foglie nuove sono di un verde molto chiaro e sembra ancora più chiaro di quello che è in quanto sono ricoperte da una “patina” polverosa bianca. Viene via facilmente con le dita, io l’ho tolta come meglio sono riuscita con un panno bagnato.
    Il rododendro l’ho collocato in una zona ombrosa del mio balcone, all’inizio no ma ora innaffio solo con acqua piovana o quella del rubinetto con l’aggiunta di un’anticalcare. Ho anche concimato con un prodotto apposito per azalee,rododendri e ortensie fatto di palline grigie. Mi potete aiutare???

    Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    1. In un caso come questo, in cui hai fatto l’impossibile, a rischio di apparire scontati bisogna che ripercorri passo per passo le cure colturali eseguite così da individuare la possibile causa della sofferenza del tuo rododendro. Come ben sai il terriccio per questa pianta deve essere acido, assolutamente non superiore a ph 5,5 e non vi deve essere calcare attivo (non miscelare quindi sabbie che possano essere calcaree). Controllare quindi il terriccio.
      Il rododendro soffre di ristagni idrici: l’asfissia radicale può provocare danni simili a quelli riscontrati, verificare quindi il drenaggio del vaso, la posizione (al riparo dai forti venti e in posizione fresca nel periodo estivo).
      Da ultimo consideriamo la possibile presenza di parassiti. Attenzione alle cocciniglie, afidi: sono alcuni dei più comuni parassiti animali che colpiscono le piante: si eliminano con prodotti specifici in commercio. Comunque i sintomi presenti sulle foglie potrebbero essere causati da marciumi radicali, occorre evitare che si verifichino ristagni d’acqua.
      Per la concimazione dei rododendri c’è la soluzione “Bayer Nutrimento azalee e rododendri”, nella formulazione liquida per fertirrigazione. Questo concime garantisce il giusto apporto di elementi nutritivi (attenersi alle dosi prescritte in etichetta). Come acqua puoi usare quella distillata oppure l’acqua piovana.

  7. Buongiorno sono Francesca. Ho un rododendro in giardino. Da qualche settimana presenta foglie con qualche macchia giallo-marrone e le foglie sono abbassate. Quale può essere la causa? Il giardino è in una zona un po’ ventosa e la pianta ha il sole al mattino. Cosa posso fare? Grazie.

  8. Buongiorno, vi scrivo perchè il mio meraviglioso rododendro ha da un po di tempo un grosso problema ,forse più d’uno. praticamente all’inizio è partito tutto con i boccioli che appena uscivano ed erano belli rotondetti cadevano senza schiusura di fiore poi ho notato che la parte legnosa si squamava e che le foglie ingiallivano e si scurivano mangicchiate dai bordi ….l’ho trattata per via sistemica e per via aerea ma dopo un primo miglioranmento ovvero una fioritura è ripiombata nel problema precedenti..non so più cosa fare potete aiutarmi in qualche maniera?

    ah dimenticavo di dirvi che è piantato a terra e il terreno è di un bosco di castagni….

    grazie e a presto

    1. Questa pianta può accusare nel periodo estivo alcuni problemi. Bisogna ripercorrere passo per passo le cure colturali effettuate così da individuare la possibile causa della sofferenza dell’esemplare. Il terriccio per il rododendro deve essere acido e quindi assolutamente non superiore a ph 5,5, e non vi deve essere calcare attivo. Non miscelare quindi sabbia che possa contenere calcare, e controllare il terriccio con cui è stato effettuato il rinvaso. Questa pianta soffre di ristagni idrici: l’asfissia radicale può provocare danni simili a quelli riscontrati, verificare quindi il drenaggio. Eccessive temperature estive possono provocare diffuse ustioni alle foglie, come d’altronde anche venti forti e secchi. Posizionare allora la pianta al riparo da forti venti e in posizioni più fresche in estate.
      Da ultimo consideriamo la possibile presenza di parassiti: i sintomi presenti potrebbero essere causati dal marciume radicale. I rimedi sono di efficacia limitata e vale assai più la prevenzione: occorre evitare che si verifichino ristagni d’acqua che favoriscano l’insorgere delle infezione. La pianta può sopravvivere se il problema è limitato, ma dobbiamo comunque intervenire sul terreno e sul drenaggio. Nelle piante in vaso sostituire il primo strato di terra con terriccio per acidofile e annaffiare poco con acqua non calcarea. Passata la fioritura è buona norma togliere tutti i fiori appassiti recidendo immediatamente sotto la prima coppia di foglie.

Rispondi a verdeblog Annulla risposta

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.