La Crossandra

E’ un sempreverde, con foglie semplici e spighe dai fiori gialli o rossi, molto durevoli. E’ la specie più coltivata in interno: ha portamento cespuglioso, è alta fino a 90 centimetri, con foglie laceolate di colore verde scuro, lucide. I fiori sono rosso arancio con macchie gialle, gialli e rosa salmone (in una cultivar nana). La fioritura va dalla primavera all’autunno.
Consigli sulla coltivazione: le crossandre vengono coltivate in vaso come piante d’appartamento: è richiesto un terriccio contenente sostanza organica (come quello di bosco) drenante, composto da torba, terra di foglie e sabbia in parti uguali. I vasi vanno collocati in una posizione molto luminosa. D’inverno la temperatura non deve scendere sotto i 12/13 gradi centigradi. Le innaffiature vanno fatte solo quando il terreno tende ad asciugare. Mantenere un’umidità più elevata durante la fioritura e minima d’inverno. Si rinvasa in primavera utilizzando lo stesso subastro indicato in coltivazione. Pulire regolarmente le foglie con uno straccetto umido e dopo la fioritura i rami vanno accorciati a 1/3 della loro lunghezza.

crossandra

La concimazione di base all’impianto si effettua con un concime complesso a lenta cessione di 30 grammi per decalitro di subastro. Una volta la settimana nel periodo estivo, aggiungere all’acqua d’irrigazione un concime complesso nella dose di 10 grammi per decalitro.
Le crossandre sono piante sensibili agli eccessi di acqua: per questo motivo il subastro va concimato con moderazione e solo nel periodo estivo sospendendo l’irrigazione con fertilizzanti quando la temperatura si abbassa. Spesso le carenze di ferro si manifestano con ingiallimento e poi la caduta delle foglie basali.
Tra le malattie: ragnetto rosso, che va trattato con acaricida.

8 pensieri riguardo “La Crossandra

  1. Gradirei avere una risposta inerente alla Crossandra fortuna e cioè:
    dopo la fioritura della spiga, questa deve essere tagliata oppure lasciata e se lasciata perchè?

    Grazie

    marino

    1. La crossandra: specie di piccoli arbusti su cui si formano annualmente germogli. Erbacee sempreverdi, con foglie semplici e spighe dai fiori gialli o rossi, molto durevoli, ha coltivazione di media difficoltà.
      Riguardo la spiga, la tolleratura di questa pianta è pulire le foglie con uno straccetto umido e dopo la fioritura accorciare i rami a 1/3 della loro lunghezza.

  2. Gentilmente potrei sapere se per taglio si intende di tagliare il gambo del fiore ? e poi vorrei sapere se in primavera si può concimare prima che fiorisca grazie Enza

    1. La crossandra si coltiva in vasi da 10/12 cm. Per ottenere esemplari grandi si rinvasa più volte, fino ad utilizzare contenitori di 18/20cm. Tagliare/potare in questo modo: si accorciano tutti i rami fioriferi di 2/3, dopo la fioritura. Per quanto riguarda la concimazione: da giugno a settembre si somministra un concime liquido ogni settimana, a piccole dosi. Le crossandre sono piante particolarmente sensibili agli eccessi di acqua e all’elevata concentrazione di sole nel terreno. Per questo motivo il substrato va concimato con moderazione, e solo nel periodo estivo, sospendendo l’irrigazione con fertilizzanti quando la temperatura si abbassa, perchè riducendosi la vitalità della pianta diminuisce anche la sua capacità di assorbimento del concime.

  3. Gentilmente potrei sapere se per taglio si intende di tagliare il gambo del fiore ? e poi vorrei sapere se in primavera si può concimare prima che fiorisca grazie Enza

    1. La crossandra si coltiva in vasi da 10/12 cm. Per ottenere esemplari grandi si rinvasa più volte, fino ad utilizzare contenitori di 18/20cm. Tagliare/potare in questo modo: si accorciano tutti i rami fioriferi di 2/3, dopo la fioritura. Per quanto riguarda la concimazione: da giugno a settembre si somministra un concime liquido ogni settimana, a piccole dosi. Le crossandre sono piante particolarmente sensibili agli eccessi di acqua e all’elevata concentrazione di sole nel terreno. Per questo motivo il substrato va concimato con moderazione, e solo nel periodo estivo, sospendendo l’irrigazione con fertilizzanti quando la temperatura si abbassa, perchè riducendosi la vitalità della pianta diminuisce anche la sua capacità di assorbimento del concime.

  4. Gradirei avere una risposta inerente alla Crossandra fortuna e cioè:
    dopo la fioritura della spiga, questa deve essere tagliata oppure lasciata e se lasciata perchè?

    Grazie

    marino

    1. La crossandra: specie di piccoli arbusti su cui si formano annualmente germogli. Erbacee sempreverdi, con foglie semplici e spighe dai fiori gialli o rossi, molto durevoli, ha coltivazione di media difficoltà.
      Riguardo la spiga, la tolleratura di questa pianta è pulire le foglie con uno straccetto umido e dopo la fioritura accorciare i rami a 1/3 della loro lunghezza.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.