Non ti scordar di me

Per climi temperati e caldi. Pianta compatta e molto ramificata a forma di cespuglio, con foglie ovali-laceolate, con fiori numerosi, piccoli, azzurri, riuniti in infiorescenze, solo occasionalmente di colore bianco o rosato. Fiorisce da maggio a luglio.

Il nome scientifico è myosotis. Questi fiori sono molto noti e conosciuti con il romantico nome “non ti scordar di me”. Sono circa 50 specie di piante erbacee annuali e biennali o perenni che crescono in terreni umidi o vicini ai corsi d’acqua. Le specie perenni non durano più di 3 anni. In primavera producono fiorellini azzurri con 5 petali appiattiti. Si coltivano in esterno, generalmente come annuali per bordure, aiuole e giardini rocciosi ponendoli tra le altre piante a fioritura primaverile, che avviene di solito in aprile, o se l’inverno è particolarmente mite, a marzo. Possono essere coltivati in qualunque posizione e in terreno ordinario. I risultati migliori si ottengono in posizioni semiombreggiate con terreno umido arricchito di composta matura o terreno di foglie.

Consigli. Nel giardino roccioso o anche in vaso si coltivano in terreni argillosi molto umidi la myosotis scorpioides, mentre le altre specie si coltivano in terreni freschi, ricchi di sostanza organica ben matura. Preferisce zone in mezzombra. Le piantine si mettono a dimora all’inizio dell’autunno, alla distanza di 10/15 centimetri, secondo lo sviluppo. In vaso si usa lo stesso substrato per la coltivazione all’aperto. Il terreno deve essere umido e ben drenato. In caso di terreno eccessivamente bagnato la pianta tende a morire con l’arrivo dell’inverno.

Tutte le specie preferiscono la semi-ombra. Sono resistenti alle alte temperature, temono gli inverni particolarmente rigidi. Se il terreno non è umido e fresco annaffiare spesso nel periodo primaverile/estivo.

In estate tenere il “non ti scordar di me” in una posizione ombreggiata, in inverno ha una discreta resistenza alle gelate. Le cure necessarie: mantenere l’umidità costante ma non eccessiva, in posizione luminosa o a mezzombra. Temperatura: fresca. Terreno: si adatta a tutti i terreni fertili, leggeri, con abbondante humus fresco. Non concimare, non ne ha bisogno.
Malattie: la muffa grigio, l’oidio, afidi.
Moltiplicazione: tramite semi a fine estate, si replica in autunno. In primavera si mette nei seminari, con successive replicazioni per ottenere fioriture ritardate.

Come conservare il nontiscordardime: piantamolo in una posizione dove una pianta possa fare ombra durante i mesi più caldi. Riseminiamolo ad aprile e piantiamo le giovani piantine ottenute in settembre direttamente a dimora proteggendole con foglie secche  o del tessuto non tessuto.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.