Abete, consigli sull’abete

Gli abeti vengono coltivati in parchi e giardini. Le specie e le varietà a portamento cespuglioso e arbustivo sono utilizzate nei giardini rocciosi. Nelle zone a clima freddo si mettono a dimora in autunno, mentre nelle altre regioni lo si fa in primavera.

Il terreno deve essere leggermente umido, ben drenato, leggermente acido. La potatura di solito non è necessaria se non per eliminare le biforcazioni all’apice negli esemplari giovani. Assolutamente da evitare la cimatura negli esemplari adulti.

Gli abeti si adattano tanto a esposizioni in pieno sole quanto all’ombra parziale. Sono piante resistenti sia alle alte, sia alle basse temperature. Non sono necessarie annaffiature se non nei periodi di siccità prolungata. La coltivazione è facile

Tipologie di abeti

  • Abies (i veri abeti):
    • Abies alba, abete bianco;
    • Abies nebrodensis, abete dei Nebrodi (per alcuni sottospecie di A. alba);
    • Abies pinsapo, abete di Spagna;
    • Abies marocana, abete del Marocco;
    • Abies numidica, abete algerino;
    • Abies cephalonica, abete greco;
    • Abies borisii-regis, abete bulgaro (per alcuni ibrido tra A. alba e A cephalonica);
    • Abies cilicica, abete del Tauro;
    • Abies nordmanniana, abete di Nordmann, abete del Caucaso;
      • Abies nordmanniana regi-trojani, abete turco;
      • Abies nordmanniana bornmuelleriana (per alcuni sinonimo della precedente sottospecie);
    • Abies procera, abete nobile;
    • Abies concolor, abete del Colorado;
    • Abies grandis, abete di Vancouver;
  • Pseudotsuga (le duglasie o douglasie):
    • Pseudotsuga menziesii, duglasia (o douglasia) comune, abete di Douglas.
  • Picea (i pecci):
    • Picea abies, peccio comune o abete rosso;
    • Picea orientalis, peccio del Caucaso o abete orientale;
    • Picea pungens, (nota soprattutto la var. glauca) peccio del Colorado o abete glauco.

40 thoughts on “Abete, consigli sull’abete

  1. vivo in provincia di bari e abito una villa in giardino con tappeto erboso con un abete che sin dal mese di settembre scorso presenta ingiallimento su alcuni rami. L’anno in corso l’albero ha prodotto le nuove spore e un mese fa l’ho rinforzato col ferro (solfato). A tutt’oggi presenta ancora l’ingiallimento. Chiedo come posso aiutarlo ulteriormente.

  2. vivo in provincia di bari e abito una villa in giardino con tappeto erboso con un abete che sin dal mese di settembre scorso presenta ingiallimento su alcuni rami. L’anno in corso l’albero ha prodotto le nuove spore e un mese fa l’ho rinforzato col ferro (solfato). A tutt’oggi presenta ancora l’ingiallimento. Chiedo come posso aiutarlo ulteriormente.

  3. ho due abeti rossi di circa quarant’anni che da tre mesi hanno cominciato a seccare; quale potrebbe essere la causa? forse la siccita’ della scorsa estate?….grazie

    1. io o un abete del colorado in casa di 40 centimetri,celò da prima di natale e non à perso nessun ago e sta vegetando veramente da dio i germogli nuovi si sono aperti completamente e dai germogli nuovi sta vegetando di nuovo senza inbrunimenti e ammosciamenti ei germogli,in casa vive benissimo ed è verde scurissimo.

  4. ho due abeti rossi di circa quarant’anni che da tre mesi hanno cominciato a seccare; quale potrebbe essere la causa? forse la siccita’ della scorsa estate?….grazie

    1. io o un abete del colorado in casa di 40 centimetri,celò da prima di natale e non à perso nessun ago e sta vegetando veramente da dio i germogli nuovi si sono aperti completamente e dai germogli nuovi sta vegetando di nuovo senza inbrunimenti e ammosciamenti ei germogli,in casa vive benissimo ed è verde scurissimo.

  5. La picea abies o picea excelsa è il comune abete rosso o peccio, quello utilizzato come albero di Natale, è una specie resistente. Le annaffiature sono necessarie solo nei periodi di siccità, durante l’esate, se non piove si può bagnare il terreno lasciando filare una canna nel sottochioma ogni 10 giorni. La causa che comincia a seccarsi potrebbe anche essere il cherme dell’abete: è un afide che attacca principalmente l’abete bianco ma può causare danni anche gli abeti rossi. Si combatte con prodotti aficidi. Anche il ragnetto rosso è particolarmente dannoso, come alcuni funghi che provocano seccumi, con parti più o meno estese delle piante che imbruniscono e muoiono. Eliminare per tempo le parti malate della pianta. La potatura di solito non è necessaria se non per eliminare le biforcazioni dell’apice. Assolutamente da evitare è la cimature sugli esemplari adulti. Se non vi sono afidi, funghi o ragnetto rosso, posso solo pensare agli anni che hanno. Cerca di farli vedere da un vivaista.

    1. scusa il ritardo nel rispondere: ringrazio per i consigli e mi rivolgero’ senz’altro ad un vivaista in zona.

  6. La picea abies o picea excelsa è il comune abete rosso o peccio, quello utilizzato come albero di Natale, è una specie resistente. Le annaffiature sono necessarie solo nei periodi di siccità, durante l’esate, se non piove si può bagnare il terreno lasciando filare una canna nel sottochioma ogni 10 giorni. La causa che comincia a seccarsi potrebbe anche essere il cherme dell’abete: è un afide che attacca principalmente l’abete bianco ma può causare danni anche gli abeti rossi. Si combatte con prodotti aficidi. Anche il ragnetto rosso è particolarmente dannoso, come alcuni funghi che provocano seccumi, con parti più o meno estese delle piante che imbruniscono e muoiono. Eliminare per tempo le parti malate della pianta. La potatura di solito non è necessaria se non per eliminare le biforcazioni dell’apice. Assolutamente da evitare è la cimature sugli esemplari adulti. Se non vi sono afidi, funghi o ragnetto rosso, posso solo pensare agli anni che hanno. Cerca di farli vedere da un vivaista.

    1. scusa il ritardo nel rispondere: ringrazio per i consigli e mi rivolgero’ senz’altro ad un vivaista in zona.

  7. Ho 1terrazzo a napoli…1anno fa ho comprtato 1abete douglas. E’ alto circa 1me30cm e sta in un vaso rettang di circa 60×50. Cresce ed e’ bello verde ma la base (quasi meta’ alberello) e’ compl secca,spoglia.non capisco le cause e nn so xcome recuperarlo.

    1. io o un abete nano del colorado in casa da molto prima di natale l’abete non a dato segni di deperimento anzi sta crescendo da dio e continua a crescere indisturbato.

  8. A natale ho comprato un abete che in questi mesi ha fatto dei bellissimi germogli verde chiaro. È sempre stato in casa da natale…da due giorni tutti i germogli nuovi, anche quelli più piccoli, sono diventati marroni, mosci e molli. Quali possono essere le cause?

    1. io o un abete nano del colorado in casa da molto prima di natale l’abete non a dato segni di deperimento anzi sta crescendo da dio e continua a crescere indisturbato.

  9. Gli abeti in natura vivono in ambienti freschi e luminosi. I fattori principali che ne determinano il deperimento, a volte molto rapido, quando sono mantenuti in luoghi chiusi, sono l’eccessiva temperatura e l’insufficiente illuminazione. Le manifestazioni più evidenti di un iniziale deperimento sono l’ingiallimento o il disseccamento degli aghi, facendo poi seguito l’abbondante caduta a terra degli aghi stessi: di solito non sono sintomi di origine parassitaria ma ambientale. A volte tali fenomeni riguardano solo alcuni rami dell’abete: in tal caso il recupero dell’albero sono maggiori a quelle che hanno un esteso distacco degli aghi dell’intera chioma. Se non si vuole rischiare di far morire l’albero, l’unico modo è rappresentato dallo spostamento dell’abete all’aperto: al termine del periodo natalizio l’abete va portato all’aperto o in un ambiente luminoso non riscaldato. In gennaio e febbraio anche se è fuori casa non vanno trascurate le irrigazioni sopratutto se l’inverno ha un andamento climatico molto secco: in questo caso bagnare anche la chioma. In marzo/aprile l’abete potrà essere collocato in piena terra, dopo aver eliminato eventuali rami secchi. Se il vaso è grande, è possibile interrare l’albero con il suo contenitore, in attesa di toglierlo nuovamente da terra il Natale successivo e riportarlo in casa. In alternativa lo si svasa e lo si mette a dimora in un ambiente soleggiato.

    1. ecco il mio abete del colorado che o da molto prima di natale in casa frampo siamo in primavera e l’abete sta in ottimissima forma senza disseccamenti o moria dei germogli.

  10. ho un abete sul balcone di casa, situata in un paesino della provincia di salerno a 350 m. di altezza sul livello del mare. a febbraio ho cambiato il vaso e la terra utilizzando terriccio per acidofile. adesso sto notando piccolissime macchie sugli aghi di parecchi rami. cosa può essere? serve una cura? preciso che l’albero ha luce solare diretta nel solo pomeriggio. Grazie

    1. ecco il risultato di 2 giorni di 1lluminazione artificiale a led si picea pungens varieta nana del colorado e letches.

  11. Buonasera a tutti! Spero che possiate aiutarmi probabilmente ne sapete più di me..
    Ho un abete rosso e un gelso bianco in giardino, piantate circa 50 anni fa. Nell’ultimo anno hanno iniziato a manifestare questi sintomi:
    il peccio (cresciuto molto vicino a un canale irriguo e che peraltro è stato cimato da un fulmine circa 10 anni fa, ma non ho notato sofferenze particolari), soprattutto ora all’inizio dell’autunno, mostra ingiallimenti e imbrunimenti di alcuni getti dell’anno, alcune galle da cherme(poche), e resinazione alla base del fusto; mentre il gelso nell’ultima primavera ha fogliato con molta fatica, la chioma è rarefatta e di un verde poco vivido, inoltre la base del fusto si mostra “contratta”, come se le fibre all’interno siano compresse(non so se sia portato dall’età e dal peso).
    Il prato su cui sono cresciute le due piante (vicine circa 10m quindi probabilmente le radici sono in contatto o quasi) è da sempre interessato da funghi commestibili che crescono a gruppi e sembrano del genere armillaria (di questo però non ne sono per nulla sicura).
    E’ possibile che patiscano un marciume radicale, quando non hanno mai manifestato sofferenze se non in quest ultimo anno? Sarebbe possibile arginare il fenomeno con solfato di ferro o permanganato, o sarebbe inutile? Queste due piante sono molto maestose, non hanno mai mostrato sofferenza se non quest anno, mi dispiace vederle deperire.
    Vi ringrazio in anticipo! Lisa

  12. ecco sembra proprio in ottima forma per essere una pianta delle regioni artiche dell alaska e che vive in appartamento al chiuso.

  13. scusate mi sono confuso con l’abete del colorado,e una picea glauca dellìa laska,guardate come sta crescendo in appartamento senza la minima sofferenza della pianta si è adattata alla grande a vifere al chiuso.

  14. ecco sembra proprio in ottima forma per essere una pianta delle regioni artiche dell alaska e che vive in appartamento al chiuso.

  15. Ho 1terrazzo a napoli…1anno fa ho comprtato 1abete douglas. E’ alto circa 1me30cm e sta in un vaso rettang di circa 60×50. Cresce ed e’ bello verde ma la base (quasi meta’ alberello) e’ compl secca,spoglia.non capisco le cause e nn so xcome recuperarlo.

  16. A natale ho comprato un abete che in questi mesi ha fatto dei bellissimi germogli verde chiaro. È sempre stato in casa da natale…da due giorni tutti i germogli nuovi, anche quelli più piccoli, sono diventati marroni, mosci e molli. Quali possono essere le cause?

  17. Gli abeti in natura vivono in ambienti freschi e luminosi. I fattori principali che ne determinano il deperimento, a volte molto rapido, quando sono mantenuti in luoghi chiusi, sono l’eccessiva temperatura e l’insufficiente illuminazione. Le manifestazioni più evidenti di un iniziale deperimento sono l’ingiallimento o il disseccamento degli aghi, facendo poi seguito l’abbondante caduta a terra degli aghi stessi: di solito non sono sintomi di origine parassitaria ma ambientale. A volte tali fenomeni riguardano solo alcuni rami dell’abete: in tal caso il recupero dell’albero sono maggiori a quelle che hanno un esteso distacco degli aghi dell’intera chioma. Se non si vuole rischiare di far morire l’albero, l’unico modo è rappresentato dallo spostamento dell’abete all’aperto: al termine del periodo natalizio l’abete va portato all’aperto o in un ambiente luminoso non riscaldato. In gennaio e febbraio anche se è fuori casa non vanno trascurate le irrigazioni sopratutto se l’inverno ha un andamento climatico molto secco: in questo caso bagnare anche la chioma. In marzo/aprile l’abete potrà essere collocato in piena terra, dopo aver eliminato eventuali rami secchi. Se il vaso è grande, è possibile interrare l’albero con il suo contenitore, in attesa di toglierlo nuovamente da terra il Natale successivo e riportarlo in casa. In alternativa lo si svasa e lo si mette a dimora in un ambiente soleggiato.

    1. ecco il mio abete del colorado che o da molto prima di natale in casa frampo siamo in primavera e l’abete sta in ottimissima forma senza disseccamenti o moria dei germogli.

  18. ho un abete sul balcone di casa, situata in un paesino della provincia di salerno a 350 m. di altezza sul livello del mare. a febbraio ho cambiato il vaso e la terra utilizzando terriccio per acidofile. adesso sto notando piccolissime macchie sugli aghi di parecchi rami. cosa può essere? serve una cura? preciso che l’albero ha luce solare diretta nel solo pomeriggio. Grazie

    1. ecco il risultato di 2 giorni di 1lluminazione artificiale a led si picea pungens varieta nana del colorado e letches.

  19. scusate mi sono confuso con l’abete del colorado,e una picea glauca dellìa laska,guardate come sta crescendo in appartamento senza la minima sofferenza della pianta si è adattata alla grande a vifere al chiuso.

  20. Buonasera a tutti! Spero che possiate aiutarmi probabilmente ne sapete più di me..
    Ho un abete rosso e un gelso bianco in giardino, piantate circa 50 anni fa. Nell’ultimo anno hanno iniziato a manifestare questi sintomi:
    il peccio (cresciuto molto vicino a un canale irriguo e che peraltro è stato cimato da un fulmine circa 10 anni fa, ma non ho notato sofferenze particolari), soprattutto ora all’inizio dell’autunno, mostra ingiallimenti e imbrunimenti di alcuni getti dell’anno, alcune galle da cherme(poche), e resinazione alla base del fusto; mentre il gelso nell’ultima primavera ha fogliato con molta fatica, la chioma è rarefatta e di un verde poco vivido, inoltre la base del fusto si mostra “contratta”, come se le fibre all’interno siano compresse(non so se sia portato dall’età e dal peso).
    Il prato su cui sono cresciute le due piante (vicine circa 10m quindi probabilmente le radici sono in contatto o quasi) è da sempre interessato da funghi commestibili che crescono a gruppi e sembrano del genere armillaria (di questo però non ne sono per nulla sicura).
    E’ possibile che patiscano un marciume radicale, quando non hanno mai manifestato sofferenze se non in quest ultimo anno? Sarebbe possibile arginare il fenomeno con solfato di ferro o permanganato, o sarebbe inutile? Queste due piante sono molto maestose, non hanno mai mostrato sofferenza se non quest anno, mi dispiace vederle deperire.
    Vi ringrazio in anticipo! Lisa

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.