Edera per balcone

EderaQuesto periodo è anche il momento di decorare il balcone con una pianta di edera. Acquistatela ora: è la pianta ideale da mettere sul balcone perchè non perde mai le foglie. E’ forte, si adatta ai climi e alle esposizioni più differenti, e cresce velocemente. In balcone o in terrazza si può tappezzare di verde un muro ma anche ricadere da un vaso a cassetta. Si accontenta di poca terra ma più grande è il vaso e meglio crescerà. Se per esempio quando si compra la pianta si trova in un vaso di 18/20 centimetri di diametro potete tranquillamente travasarla in uno largo di circa 35 centimetri.

Innaffiature: è meglio lasciare sempre asciugare il terriccio prima di bagnarlo di nuovo. Le edere non sono grandi bevitrici. Se la pianta si sviluppa troppo e la volete reinfoltire basta tagliare le estremità dei rami. In commercio vi sono tante varietà di edera: la edera duckfoot dalle foglie piccole e molto incise; la goldengate, dalle foglie variegate di giallo; la little diamond, dalle foglie piccol, bianche e verdi; la colicò dalle foglie variegate in bianco, verde e in autunno rosa; e delle altre dalle foglie verdi con venature grigie.

12 pensieri riguardo “Edera per balcone

  1. vorrei sapere il nome dell’edera che ricada da vasi a cassetta, che sia la più veloce a crescere ma che non cambi colore d’inverno(cioè non diventi rosa)

    1. @Adalgisa
      Dell’edera ce ne sono diversi tipi: quella comune, l’edera helix, da cui sono derivate moltissime varietà che si distinguono per la forma (romboidale, stellata, palmata, ecc.). Spesso sono di piccole dimensioni, ma in vasi di grandezza adeguata possono raggiungere altezze notevoli, e ricadenti.
      L’edera helix in una varietà variegata con foglie a margine col bianco crema. Tra le varietà diffusissima è la variegata “Gloire de marengo” con le foglie verde scuro al centro e margini bianchi, ed “Eva”, con foglie piccole macchiate di verde scuro, con centro verde grigiastro e margini color crema.
      Le varietà variegate mantengono meglio il colore se sono poste in piena luce: l’edera helix si adatta anche alla mezzombra; l’edera canariensis predilige invece posizioni ben illuminate. Non preoccuparti, crescereanno. Anche troppo!

  2. buon giorno.
    qualche mese fa ho comperato 2 piante di edera helix . l’ho subito messa in vasi piu’ grandi e posizionata sul mio balcone. stava crescendo beme ..ero soddisfatta ma….. non so… qualcosa non ha funzionato in quanto dopo alcuni giorni… ho visto le foglie diventare nere ..seccavano a vista d’occhio compreso i rami.ora e’ tutta spoglia non so se riprendera’. vorrei sapere cosa puo aver causato questo problema alla pianta. vorrei comperarne del’altra ma ho paura che si ripeta la stessa cosa. aiutatemi grazie.

  3. @Giuliana
    La helix è molto rustica, cresce rapidamente e si adatta a tutti i tipi di superficie. Deve essere collocata in modo che non riceva vento da est. L’esposizione può essere in zone soleggiate e anche zone ombrose: è ideale per coprire zone difficili.
    Il suo punto debole sono le gelate intense e persistenti, anche se si riprende con facilità. Le zone climatiche vanno bene tutte.

    Si accontenta di poca terra, ma più grande è il vaso e meglio crescerà (come hai fatto tu). Sono le annaffiature che fanno male: quando le annaffiate è meglio lasciare sempre asciugare il terriccio prima di bagnarlo di nuovo, perchè le edere non sono delle grandi bevitrici.
    L’edera radica con grande facilità, perciò le si può riprodurre tagliando una porzione di ramo lunga una decina di centimetri, in qualsiasi stagione dell’anno. Per questa pianta il terriccio giusto è quello universale, con l’aggiunta di un po’ di terra argillosa, in modo da aumentare la capacità idrica.

    Penso che la causa del problema sia stata l’acqua. Se non si riprende puoi benissimo comprarne un’altra ma fai attenzione a che non si ripeta la stessa cosa.

  4. vorrei sapere il nome dell’edera che ricada da vasi a cassetta, che sia la più veloce a crescere ma che non cambi colore d’inverno(cioè non diventi rosa)

    1. @Adalgisa
      Dell’edera ce ne sono diversi tipi: quella comune, l’edera helix, da cui sono derivate moltissime varietà che si distinguono per la forma (romboidale, stellata, palmata, ecc.). Spesso sono di piccole dimensioni, ma in vasi di grandezza adeguata possono raggiungere altezze notevoli, e ricadenti.
      L’edera helix in una varietà variegata con foglie a margine col bianco crema. Tra le varietà diffusissima è la variegata “Gloire de marengo” con le foglie verde scuro al centro e margini bianchi, ed “Eva”, con foglie piccole macchiate di verde scuro, con centro verde grigiastro e margini color crema.
      Le varietà variegate mantengono meglio il colore se sono poste in piena luce: l’edera helix si adatta anche alla mezzombra; l’edera canariensis predilige invece posizioni ben illuminate. Non preoccuparti, crescereanno. Anche troppo!

  5. @Giuliana
    La helix è molto rustica, cresce rapidamente e si adatta a tutti i tipi di superficie. Deve essere collocata in modo che non riceva vento da est. L’esposizione può essere in zone soleggiate e anche zone ombrose: è ideale per coprire zone difficili.
    Il suo punto debole sono le gelate intense e persistenti, anche se si riprende con facilità. Le zone climatiche vanno bene tutte.

    Si accontenta di poca terra, ma più grande è il vaso e meglio crescerà (come hai fatto tu). Sono le annaffiature che fanno male: quando le annaffiate è meglio lasciare sempre asciugare il terriccio prima di bagnarlo di nuovo, perchè le edere non sono delle grandi bevitrici.
    L’edera radica con grande facilità, perciò le si può riprodurre tagliando una porzione di ramo lunga una decina di centimetri, in qualsiasi stagione dell’anno. Per questa pianta il terriccio giusto è quello universale, con l’aggiunta di un po’ di terra argillosa, in modo da aumentare la capacità idrica.

    Penso che la causa del problema sia stata l’acqua. Se non si riprende puoi benissimo comprarne un’altra ma fai attenzione a che non si ripeta la stessa cosa.

  6. buon giorno.
    qualche mese fa ho comperato 2 piante di edera helix . l’ho subito messa in vasi piu’ grandi e posizionata sul mio balcone. stava crescendo beme ..ero soddisfatta ma….. non so… qualcosa non ha funzionato in quanto dopo alcuni giorni… ho visto le foglie diventare nere ..seccavano a vista d’occhio compreso i rami.ora e’ tutta spoglia non so se riprendera’. vorrei sapere cosa puo aver causato questo problema alla pianta. vorrei comperarne del’altra ma ho paura che si ripeta la stessa cosa. aiutatemi grazie.

  7. Buonasera,

    Tutti i tipi di edera fanno i frutti? Dovendola far ricadere dai vasi di un condominio i frutti potrebbero crearmi dei problemi.

    Grazie

    1. All’edera rampicante sempreverde, coltivata sia in giardino e terrazzo, sia in casa in piccoli vasi, basta un terriccio comune. La varietà a foglie piccole e variegate vuole un terriccio organico e leggero, oltre che esposizione a mezz’ombra ed ombra. In casa si può tenere anche in posizione non luminosa. Annaffiature anche d’inverno se l’appartamento è riscaldato. Malattie: macchie fogliari dovute ad alcuni funghi, pidocchi, cocciniglia, ragno rosso. Trattare con Gesol insetticida ed anticrittogamico in polvere. Riguardo i frutti che fa non mi risulta che possano creare problemi, potresti toglierli a mano a mano che crescono. Ovviamente non sono commestibili.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.