VerdeBlog: giardinaggio fai da te

Vuoi prenderti cura delle tue piante di casa e hai bisogno di consigli personalizzati? Vuoi abbellire il tuo giardino o il balcone di casa tua e non sai quali fiori mettere? Su questo blog dedicato al giardinaggio fai da te troverai tante guide e schede tecniche sulle singole piante e specie, i consigli del mese e lo spazio per fare delle domande e ricevere delle risposte da una esperta di giardinaggio con il pollice verde e tanta esperienza.

I consigli di questo mese:
Petunie

Coltivare la surfinia o petunia pendula

La pendula è una variante di surfinia, dai fiori coloratissimi, che spesso sviluppa delle vere e proprie cascate di fiori che abbelliscono i nostri terrazzi. Le cure necessarie: questa pianta cresce molto bene, ha bisogno di essere bagnata spesso, in estate, meglio se a giorni alterni. Durante il periodo estivo l’apporto di acqua deve sempre seguire l’andamento climatico: in periodi nuvolosi le annaffiature devono essere moderate. Bisogna evitare i ristagni di acqua perchè la pianta viene facilmente attaccata da parassiti fungini. Leggi tutto »

echinocactus grusonii

Cactus a sfera (echinocactus grusonii)

Conosciuto anche come “cuscino della suocera” è una pianta grassa dalla crescita lenta, di forma sferica, costosa all’acquisto specie se si tratta di soggetti di taglia apprezzabile. Il genere echinocactus comprende 15 specie di cactus originari delle radure boschive degli Stati Uniti e del Messico: hanno forma globosa o colonnare. Il nome echinocactus deriva dal greco echinos, cioè porcospino. Il più noto e comune fra i cactus sferici e spinosi è il grusonii, citato in botanica anche come palla d’oro. Ha forma globosa e solo quando raggiunge il pieno sviluppo e invecchia tende ad allungarsi. In natura può raggiungere l’altezza di 100 centimetri. Gli esemplari coltivati devono essere considerati notevoli a partire dai 30 centimetri di diametro. E’ una pianta la cui forma sferica perfetta la rende irresistibile. Leggi tutto »

annaffiare

Estate, le cure per salvaguardare le piante e il giardino

Arriva il caldo estivo forte, per salvare le nostre piante in casa e in giardino ricordiamoci di rispettare alcune semplici ma importanti regole.

In giardino abbiamo da fare quasi tutti i giorni, tra regolare le siepi, tagliare il prato, togliere i fiori appassiti e piantare nuove erbacee da fiore per l’autunno. Togliamo quindi i fiori appassiti da rose, rododendri, azalee. E’ importante che la pianta non si indebolisca nel tentativo di andare a seme. Nelle rose, se si taglia sotto la seconda foglia, si ottiene un nuovo ramo fiorifero. Nel rododendro la pianta produrrà nuovi getti che fioriranno l’anno prossimo. La siepe va tagliata non solo perchè tenga la forma estetica più valida ma anche per contenere lo sviluppo. Possiamo tagliarla un po’ più bassa del solito per prevenire la crescita o tagliare qualche ramo interno per indurre una maggiore crescita dal basso.

Cosa piantare in questo periodo: se desideriamo avere fiori anche dopo l’estate dobbiamo preoccuparci fin da ora di piantare delle erbacee a fioritura autunnale, come gli astri, i crisantemi o l’erica. Estirpiamo i bulbi e mettiamo all’asciutto per la prossima stagione. Leggi tutto »

bordura fiorita

Giugno: cura del giardino, concimazioni e pacciamature

Con l’aumento delle temperature dobbiamo aumentare la frequenza delle annaffiature e dobbiamo provvedere a concimare adeguatamente le piante verdi e da fiore, siano esse in casa o sul terrazzo.

Portiamo all’esterno tutte le piante ma raccomando inizialmente non si devono mettere al sole diretto perchè si scotterebbero. Bisogna metterle in posizione ombreggiata e riparata dalle correnti d’aria. In questo periodo le piante del terrazzo vegetano con eccezionale velocità e le fioriture non si contano. Sosteniamo le piante con apporti regolari di fertilizzante: non facciamo mancare loro l’acqua ma senza esagerare. Facciamo attenzione che i parassiti non si installino sotto le foglie e i germogli rovinando le piante. Leggi tutto »

L'ulivo del mio giardino

Maggio: concimazioni, pulizie e piante da seminare

Quando trasferire all’aperto le piante in vaso? Maggio è un mese delicato per le piante che hanno trascorso l’inverno in casa: non tutte possono essere trasferite all’esterno, come le piante grasse, il cocco, il croton, il filodendro, l’eufhorbia (stella di Natale). Dovrebbero rimanere in casa ancora per un po’ perchè ancora le temperature durante la notte (sopratutto al mattino presto e in particolare nelle regioni del nord Italia) scendono ancora di diversi gradi. Possono essere trasferite quando le temperature – durante la notte – si saranno stabilizzate a circa 20 gradi.

In questo periodo dell’anno riprendere a concimare le piante verdi, almeno una volta al mese se si usa un concime liquido sciolto nell’acqua delle annaffiature, e più di rado se si sceglie un ferilizzante a lenta cessione. Di solito si applicano ogni 2/3 mesi o anche sei mesi, a seconda della composizione, seguendo sopratutto le quantità e le modalità indicate. E’ importante ricordarsi di non concimare mai una pianta malata o troppo asciutta e di non superare mai la dose consigliata: le radici potrebbero bruciarsi, anche irrimediabilmente.

In questo periodo dell’anno si esegue la pulizia dei palloni radicali e dei succhioni del glicine, rampicante particolarmente decorativo. I palloni radicali sono dei rami che si formano alla base del colletto della pianta: non formeranno mai nè fiori nè foglie, quindi si devono tagliare.

Verso la fine del ese si possono rinvasare le orchidee e mettere a dimora le talee radicate di crisantemo. Per le aiuole si seminano le piante biennali come le violaciocca, che fioriranno la prossima primavera. Nel frutteto si termina la piantagione di ulivi. Si seminano all’aperto basilico, fagiolo, fagiolini, cordo, cetriolo, prezzemolo, ravanello, zucca.

Powered by WordPress