Chrysalidocarpus

chrysalidocarpusE’ una delle varietà migliori da tenere in casa: coltivata in vaso non può infatti sviluppare oltre misura le radici e mantiene così dimensioni adatte alla maggior parte delle abitazioni. Pur conservando la possibilità di raggiungere altezze notevoli se cresce in una cassetta spaziosa, bisogna fare attenzione perchè se lasciato libero di crescere può rapidamente diventare troppo grande per l’ambiente domestico. Crescere questo esemplare delicato in un ambiente caldo. Può tollerare una posizione leggermente ombreggiata, meglio una illuminazione indiretta. La luce del sole invernale diretta ma debole è adatta ma non ideale. Comunque in estate il chrysalidocarpus va protetto dai raggi del sole troppo forti. Per capire quanta acqua necessita la pianta, usare come guida la superficie del terriccio: bagnare bene e quindi aspettare che si asciughi di nuovo. Le radici vanno mantenute umide. Concimare una volta al mese nel periodo della crescita con un fertilizzante adatto. Rinvasare in primavera gli esemplari troppo cresciuti utilizzando un composto ben drenato a base di terra grassa, che può garantire a questa pianta la stabilità di cui necessita. Compattare bene intorno alla massa radicale.

4 pensieri riguardo “Chrysalidocarpus

  1. Buongiorno, sono Alessandro e vivo a Genova (Liguria). Ho una chrisalidocarpus in casa in una zona molto illuminata e la terra è umida ma non pregna d’acqua. Il problema è che mi si seccano le punte delle foglie e, siccome ho soltanto 4/5 arbusti, di questo passo finisce che tra poco non mi rimane più niente.
    Quale può essere la motivazione. Premetto che ho questa pianta da ormai 5 anni ma nn è mai cresciuta. L’ho comprata di media dimensione e così è rimasta. Ha fatto “foglie” nuove ma morivano le vecchie e quindi la dimensione e il volume sono rimasti sempre esigui.
    Chiedo inoltre se da un vaso con 4/5 steli è possibile, con le condizioni e le cure giuste, riuscire a veder crescere una pianta rigogliosa e voluminosa.
    Grazie infinite per la vostra collaborazione,
    Alessandro

  2. Sono piante adatte a climi tropicali, per quanto necessitano di umidità aerea. Queste piante diventeranno lussureggianti piantate in terra al sole, ma alle nostre latitudini possono soffrire il gelo invernale. Mantenute in casa richiedono maggior nebulizzazione. Appena il clima lo permette, spostare fuori graduatamente al sole.

  3. Buongiorno, sono Alessandro e vivo a Genova (Liguria). Ho una chrisalidocarpus in casa in una zona molto illuminata e la terra è umida ma non pregna d’acqua. Il problema è che mi si seccano le punte delle foglie e, siccome ho soltanto 4/5 arbusti, di questo passo finisce che tra poco non mi rimane più niente.
    Quale può essere la motivazione. Premetto che ho questa pianta da ormai 5 anni ma nn è mai cresciuta. L’ho comprata di media dimensione e così è rimasta. Ha fatto “foglie” nuove ma morivano le vecchie e quindi la dimensione e il volume sono rimasti sempre esigui.
    Chiedo inoltre se da un vaso con 4/5 steli è possibile, con le condizioni e le cure giuste, riuscire a veder crescere una pianta rigogliosa e voluminosa.
    Grazie infinite per la vostra collaborazione,
    Alessandro

  4. Sono piante adatte a climi tropicali, per quanto necessitano di umidità aerea. Queste piante diventeranno lussureggianti piantate in terra al sole, ma alle nostre latitudini possono soffrire il gelo invernale. Mantenute in casa richiedono maggior nebulizzazione. Appena il clima lo permette, spostare fuori graduatamente al sole.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.