Clerodendrum trichotomum, arbusto a portamento espanso. Consigli sul clerodendro

E’ la specie più diffusa, sono circa 400 specie di alberi, arbusti e rampicanti, sia sempreverdi, sia decidue. Il clerodendrum trichotomum è un arbusto o piccolo albero, con altezza di 1,5/4 metri, a crescita lenta e a portamento espanso. I fiori bianco rosati a forma di stella sbocciano in agosto/settembre e successivamente si formano bacche blu/turchese.

Esposizione: sole o mezzombra, ma al riparo di venti. Tutte le specie durante l’inverno devono essere mantenute a una temperatura intorno ai 13 gradi.
Terreno: non ha particolari esigenze di terreno, anche se lo preferisce fertile, ricco di sostanza organica, ben drenato. Prendo spunto da una domanda che mi avete fatto:

Da circa 2 anni ho piantato un clerodendrum trichotomum di circa 4 metri di altezza. Ma non pare avere avuto una buona riuscita: le foglie crescono rade e ci sono molti rami spogli, i pochi fiori cadono in fretta e le caratteristiche bacche autunnalli a stella non le ho mai viste. Vorrei avere qualche consiglio per rinvigorire quest’albero. Mi trovo in una zona marina del centro sud (Abruzzo – Vasto -Ch). Il giardiniere ha posizionato l’albero in una zona soleggiata, ha usato terreno sabbioso, infine periodicamente concimo e innaffio. Ma non l’ho mai potato.
Dopo questa brutta esperienza ho aspettato a prendere altri alberi prima di avere un consiglio di esperti, anche perchè mi avevano detto che il clerodendrum era a crescita rapida e molto decorativo per il mio giardino, invece da più di 2 anni non vedo alcun riscontro
Giuseppe

Spero all’impianto sia stato fatto quanto spiegato sopra. La potatura non è generalmente necessaria. Eliminare i rami secchi disordinati.

Questa pianta, nelle zone fredde, va coltivata in posizioni riparate e con una buona pacciatura di foglie e paglia. In primavera/estate per le specie coltivate all’aperto annaffiare solo in caso di siccità.

14 thoughts on “Clerodendrum trichotomum, arbusto a portamento espanso. Consigli sul clerodendro

  1. Buonasera, volevo delle informazioni riguardo la coltivazione di Trichotomum da seme. I semi presumo siano dentro le bacche, è corretto? Se così fosse

    – qual è il periodo migliore per raccogliere le bacche in modo che i semi siano fertili?
    – in primavera basta seminare tutta la bacca o bisogna aprirla? Ho provato ad aprirne alcune, ma mi pare un lavoro un pò troppo certosino (nel senso: se i semi fossero nelle bacche niente in natura li toglie, eppure nuove piante crescono lo stesso)

    Grazie mille!

  2. Per la propagazione del clerodendrum trichotomum: per le specie resistenti si ricorre in autunno o in primavera alla divisione dei palloni radicati che si formano alla base della pianta, o si prelevano fine estate talee semilegnose (rametto dell’anno più una porzione del ramo portante) lunghe 12/15 cm; si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, in luoghi protetti ma non riscaldati. Le talee radicate si trapiantano in vivaio nella primavera successiva e si coltivano per 1-2 anni prima di metterli a dimora definitivamente.
    Anche per le specie delicate vengono moltiplicate per talee semilegnose, lunghe una decina di cm. prelevati da i germogli laterali da aprile a giugno, utilizzando lo stesso substrato e mantenendo una temperatura intorno ai 20 gradi. DOpo la radicazione si trasferiscono in vasi di 8-10 cm, riempiti con la composta da vasi john innes n.1 e successivamente si invasano.
    Bacche e semi è come dici tu, un lavoro un po’ troppo certosino, in bocca al lupo.

  3. Ad integrazione delle informazioni sul clerodendro: la pianta resiste alla salsedine e abbastanza bene al vento di mare, a differenza della Bignonia.
    Avevo dei dubbi su quali piante sistemare nel mio giardino al mare, quasi sulla spiaggia, e dopo vari tentativi (ancora in corso) la pianta, dopo un periodo di crisi dovuto alla troppa concimazione chimica e organica (crescevano le foglie gialle), ha superato l’estate ed ora é a riposo.
    E’ cresciuto di ben 80 cm. ed ha perfino fiorito per la prima volta (5 grappolini), anche se non sono evoluti in bacche.
    Ai prossimi contatti e grazie per le informazioni che resnde disponibili a tutti.
    Giorgio B.

  4. Ho appena piantato la nuova piantina di clerodendro nata da sola sotto la pianta madre. Ha quattro rami molto bassi che vorrei eliminare. Posso fare adesso?La pianta è alta cca 1.3 m Grazie, Miranda

    1. Per il clorodendrum non è richiesta potatura regolare: in marzo/aprile si devono tagliare gli apici dei rami delle specie rustiche danneggiati dal gelo. Gli esemplari troppo grandi, coltivati all’aperto, possono essere potati a fondo, tagliando i rami a 30 cm dalla base, in aprile. Questo è il periodo giusto. La pianta è giovane, prima taglia i primi due rami e poi vedi come ti piace.

  5. Per la propagazione del clerodendrum trichotomum: per le specie resistenti si ricorre in autunno o in primavera alla divisione dei palloni radicati che si formano alla base della pianta, o si prelevano fine estate talee semilegnose (rametto dell’anno più una porzione del ramo portante) lunghe 12/15 cm; si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, in luoghi protetti ma non riscaldati. Le talee radicate si trapiantano in vivaio nella primavera successiva e si coltivano per 1-2 anni prima di metterli a dimora definitivamente.
    Anche per le specie delicate vengono moltiplicate per talee semilegnose, lunghe una decina di cm. prelevati da i germogli laterali da aprile a giugno, utilizzando lo stesso substrato e mantenendo una temperatura intorno ai 20 gradi. DOpo la radicazione si trasferiscono in vasi di 8-10 cm, riempiti con la composta da vasi john innes n.1 e successivamente si invasano.
    Bacche e semi è come dici tu, un lavoro un po’ troppo certosino, in bocca al lupo.

  6. Ad integrazione delle informazioni sul clerodendro: la pianta resiste alla salsedine e abbastanza bene al vento di mare, a differenza della Bignonia.
    Avevo dei dubbi su quali piante sistemare nel mio giardino al mare, quasi sulla spiaggia, e dopo vari tentativi (ancora in corso) la pianta, dopo un periodo di crisi dovuto alla troppa concimazione chimica e organica (crescevano le foglie gialle), ha superato l’estate ed ora é a riposo.
    E’ cresciuto di ben 80 cm. ed ha perfino fiorito per la prima volta (5 grappolini), anche se non sono evoluti in bacche.
    Ai prossimi contatti e grazie per le informazioni che resnde disponibili a tutti.
    Giorgio B.

  7. Ho appena piantato la nuova piantina di clerodendro nata da sola sotto la pianta madre. Ha quattro rami molto bassi che vorrei eliminare. Posso fare adesso?La pianta è alta cca 1.3 m Grazie, Miranda

    1. Per il clorodendrum non è richiesta potatura regolare: in marzo/aprile si devono tagliare gli apici dei rami delle specie rustiche danneggiati dal gelo. Gli esemplari troppo grandi, coltivati all’aperto, possono essere potati a fondo, tagliando i rami a 30 cm dalla base, in aprile. Questo è il periodo giusto. La pianta è giovane, prima taglia i primi due rami e poi vedi come ti piace.

  8. Buonasera, volevo delle informazioni riguardo la coltivazione di Trichotomum da seme. I semi presumo siano dentro le bacche, è corretto? Se così fosse

    – qual è il periodo migliore per raccogliere le bacche in modo che i semi siano fertili?
    – in primavera basta seminare tutta la bacca o bisogna aprirla? Ho provato ad aprirne alcune, ma mi pare un lavoro un pò troppo certosino (nel senso: se i semi fossero nelle bacche niente in natura li toglie, eppure nuove piante crescono lo stesso)

    Grazie mille!

Leave a Reply

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.