Consigli estivi per il geranio

Il geranio è un classico intramontabile ma bisogna ricordarsi che quando il caldo notturno è molto elevato le piante entrano in una fase di riposo e producono meno fiori. Dopo aver parlato più volte del geranio, ecco un riepilogo dei consigli fondamentali per il pelargonium:

  • Concimare ogni 8-10 giorni con un prodotto liquido: se non viene nutrito si spegne rapidamente e produce pochi fiori
  • Togliere regolarmente i fiori appassiti.
  • poca acqua, nutrimento costante. I gerani devono essere bagnati con moderazione, ma in modo continuo per garantire un’umidità costante. Temono il ristagno più della carenza d’acqua. Utilizzare acqua fresca ma non fredda, meglio non calcarea.
  • I gerani per rimanere fioriferi, sani e vitali nel tempo hanno bisogno di essere nutriti e sostenuti con fertilizzanti organici da distribuire 2 volte l’anno mescolati a terriccio fresco in sostituzione del primo strato.
  • Il terriccio ideale per gerani deve avere due caratteristiche: capacità di drenaggio e struttura soffice.

In estate i gerani compiono il maggior sforzo vegetativo crescendo velocemente e producendo un gran numero di fiori. Per favorire lo sviluppo rigoglioso del geranio e prolungarne la fioritura in questa fase si devono assicurare alle piante quantità elevate di elementi nutritivi tramite la fertirrigazione, con un concime liquido completo, di elevata qualità, ricco di potassio e fosforo, un concime che contenga azoto, sia nitrico sia ammoniacale, con fosforo in adeguata quantità e potassio, non da cloruro. Per esempio il Baysol nutrimento per gerani, ma ce ne sono di tante altre marche altrettanto buoni in vendita. Si raccomanda di non superare la diluizione di 1 tappo misurino ogni 3 litri di acqua, raccomandazione presente anche sull’etichetta.

E per ottenere il migliore risultato non bagnare le foglie con la soluzione fertilizzante. Inumidire il terreno prima di concimare, dosare prima il concime liquido e poi l’acqua nell’innaffiatorio per ottenere una miscela omogenea.

In luglio, dopo la fioritura primaverile abbondante dei gerani (soprattutto i parigini o gerani edera dal caratteristico portamento ricadente), c’è bisogno di cure aggiuntive per farli tornare a fiorire. L’operazione più importante è accorciare di 1/3 tutta la loro chioma, ed eliminare alla base i getti troppo lunghi e quindi troppo deboli: in questo modo continueranno a vestirsi di corolle per tutta la bella stagione. Questo è il periodo del vero caldo, e i gerani edera e parigini stanno perdendo il loro aspetto rigoglioso, succede sempre. E per far sì che tornino ricchi di foglie e di fiori e non risentano del torrido caldo bisogna accorciare i rami giovani più lunghi e i più gracili, tagliando i rami per almeno 1/3 della loro lunghezza. In questo modo la pianta si rafforza e torna bella come lo era in aprile/maggio.

Se ci sono invece tante foglie gialle, cercate di trasferire i gerani dove non arriva il sole diretto, oppure proteggeteli con una tenda che li tenga in ombra da mezzogiorno alle tre del pomeriggio, soprattutto inoltre fare attenzione a non fare asciugare del tutto il terreno. Innaffiare i gerani il mattino presto e, se necessario, tornare a bagnare di nuovo la sera.

Quando i pelargoni (gerani) cominciano a produrre fiori copiosamente è bene togliere i fiori quando appassiscono in modo da indurre la pianta a produrne ancora. Possiamo anche prelevare talee, mettendole direttamente in terra (da mantenere umida per almeno 2 settimane). Sostituire il vecchio terriccio con terra fertile.
Utilizziamo sempre terriccio di alta qualità e, ogni 2 settimane, mescoliamo all’acqua dell’innaffiatura del fertilizzante.

20 pensieri riguardo “Consigli estivi per il geranio

  1. Due sono le cause delle foglie gialle: o la luce non è sufficiente, oppure nel terreno c’è carenza di ferro. Nel secondo caso basta distruibuire con la prima annaffiatura del fertilizzante appropriato, per esempio fito rinverdente purchè sia a base di chelato di ferro e di altri microelementi. E’ opportuno rimuovere sempre le foglie gialle o scolorite tagliandole con le forbici a circa un centimetro dall’attaccatura del fusto: serve per evitare di lasciare ferite aperte nel fusto, potrebbe essere una via privilegiata per attacchi parassitari. Ai gerani per tutto il periodo della fioritura aggiungiamo all’acqua delle innaffiature ogni 15 giorni fertilizzante ricco di azoto. Eccessi o carenza di elementi nutritivi nel suolo fanno diventare le foglie gialle.

  2. Farfalle e bruchi divorano tutto!
    Dopo due mesi (giugno e luglio) di splendida fioritura i miei gerani zonali sono stati attaccati dalla temibile farfalla killer del geranio (Cacyreus marshalli). Mi è stato proposto un insetticida spray della Bayer abbinato a compresse da mettere nel terriccio. Personalmente ho il terrorre di qualsiasi veleno da nebulizzare (ho anche un bambino piccolo), quindi mi sono lasciata convincere a prendere la versione “bio”, ovvero piretro, sempre Bayer, sempre da spruzzare… ma arrivata a casa e lette le avvertenze sulla confezione non sono riuscita a fare l’operazione anti-farfalla.
    Le compresse Bayer, mi dicono al vivaio, non sono sufficienti, lei cosa ne pensa? Non ho proprio alternative?
    Le mie piante al quarto piano però non sono così mal ridotte come quelle di mia mamma in giardino, le mie hanno solo smesso di crescere e di fare fiori…
    Le sarò grata per una sua opinione

    1. I gerani come sai amano le posizioni soleggiate, ma vivono bene anche a mezzombra, bagnati regolarmenti, anche se poco, per tutta la stagione riproduttiva. Per farli crescere sani e robusti, e in grado di resistere meglio agli attacchi degli insetti e delle malattie, devono essere nutriti adeguatamente, e poi bisogna pensare a proteggerli dall’attacco dei parassiti con un concime ricco di azoto, fosforo e potassio.
      Per quanto riguardo la terribile farfallina cacyreus marshalli: è un lepidottero proveniente dall’africa, ora diffusa anche in Italia. Causa moltissimi danni, svolge attività diurna in luoghi caldi e assolati, depone uova da cui fuoriescono piccole larve bianche che penetrano nei fusti dei gerani e vi scavano gallerie. Come prevenzione al problema, a partire da aprile, si può ricorrere a calipso garden protector, un innovativo insetticida a base di thiacloprid. Il prodotto va usato diluito di 50ml in un litro d’acqua, e poi usato per irrigare le piante in vaso, ripetendo il trattamento dopo un mese.
      Se hai paura di usare insetticidi: nutri al meglio i gerani con concimi minerali in formazione granulare (Baycot gerani piante fiorite: un concime minerale che lascia gradualmente gli elementi essenziali nutrendo la pianta per circa 6 mesi). I prodotti Bayer per la protezione delle piante sono agrofarmaci registrati al ministero della salute, prima dell’uso leggi bene le modalità d’uso (soprattutto se hai un bimbo piccolo)

  3. I miei gerani adesso fanno numerosi fiori,ma i boccioli non si aprono, diventano secchi e gialli. Li ho collegati al sole e cerco di fertilizzarl, pupurtroppo sono cresciuti solo in altezza e Larghezza

    1. Probabilmente c’è qualcosa di non corretto nelle condizioni ambientali o nelle pratiche colturali (annaffiatura, concimazione, fitosanitari, ecc.) o entrambe le cose. Assicurati innanzitutto che la pianta abbia una buona esposizione al sole: il geranio ha bisogno di molta luce per crescere in modo rigoglioso. L’esposizione deve essere a sud o a sud-est. Verificare che siano annaffiate regolarmente e che non siano infestate di parassiti e attaccate da malattie. La stagione permette di effettuare un rinvaso utilizzando un terriccio universale per piante ornamentali. Per ottenere piante rigogliose e abbondanti fioriture è fondamentale nutrirle abbondantemente e correttamente utilizzando prodotti specifici e di elevata qualità, perciò consiglio di utilizzare Baysol nutrimento per gerani, un prodotto studiato appositamente per questa specie. Affinchè la fioritura sia orgogliosa fare in modo che non lasciate mai completamente secco il terriccio, altrimenti l’appassimento è assicurato.

  4. Salve a tutti. I boccioli dei miei gerani, dai quali devono ancora spuntare i fiori, iniziano a perdere il vigoroso verde per iniziare a seccarsi un po’. Mi devo preoccupare? A cosa può essere dovuto questo inconveniente? Il caldo non può essere, perché la temperatura in questi ultimi giorni (fine aprile 2017) è scesa parecchio e le abbondanti piogge, dopo mesi di siccità, sembra averci riportato in inverno. Il geranio è posizionato al nord e all’aperto in protezione protetta (gli arriva comunque il sole in alcune ore).Io abito nella pianura tra il veneto ed il friuli. Non eccedo con le annaffiature. La scorsa settimana ho fertilizzato la pianta con lievito di birra sciolto nell’acqua. Grato se mi potete dare un consiglio.

    1. In molti casi le piante acquistate e appena trapiantate stentano e impiegano diverse settimane per riprendere a vegetare. Per ridurre al minimo questa fase di stasi provate a seguire i semplici consigli della tradizione. Ponete a dimora le piante appena arrivati a casa senza inutili tempi di attesa. Se si tratta di gerani edera o parigini, le piante sono ammassate, distanziatele in modo che le foglie nella parte bassa della pianta non restino al buio. Ponetele nei vasi dopo aver tolto i sostegni, pressate il terriccio perchè aderisca bene alle radici, bagnate con moderazione. Non si pongono i vasi sul davanzale ma a terra, control il muro di casa, in posizione luminosa ma non sotto l’azione diretta del sole e del vento. Dopo una settimana circa posizionateli dove volete.
      Dici che hai fertilizzato le piante con lievito di birra sciolto nell’acqua: a me giunge nuova, è sempre un bene imparare. Nella linea wellness troviamo il concime liquido disponibile anche in granulare per gerani, che favorisce la fioritura. E’ un concime per gerani con formulazione NPK 8/6/6, arricchito con ferro: è il prodotto giusto per assicurare un’intensa colorazione di foglie e fiori. Ha un nuovo dosatore facilitato, flacone da 1 litro.

  5. I miei geranei macrantini hanno rami molto esili e molte foglie gialle…. ho dato un po’di chelato di ferro ma senza risultato……mi aiutate,??

    ,

  6. Salve a tutti. I boccioli dei miei gerani, dai quali devono ancora spuntare i fiori, iniziano a perdere il vigoroso verde per iniziare a seccarsi un po’. Mi devo preoccupare? A cosa può essere dovuto questo inconveniente? Il caldo non può essere, perché la temperatura in questi ultimi giorni (fine aprile 2017) è scesa parecchio e le abbondanti piogge, dopo mesi di siccità, sembra averci riportato in inverno. Il geranio è posizionato al nord e all’aperto in protezione protetta (gli arriva comunque il sole in alcune ore).Io abito nella pianura tra il veneto ed il friuli. Non eccedo con le annaffiature. La scorsa settimana ho fertilizzato la pianta con lievito di birra sciolto nell’acqua. Grato se mi potete dare un consiglio.

    1. In molti casi le piante acquistate e appena trapiantate stentano e impiegano diverse settimane per riprendere a vegetare. Per ridurre al minimo questa fase di stasi provate a seguire i semplici consigli della tradizione. Ponete a dimora le piante appena arrivati a casa senza inutili tempi di attesa. Se si tratta di gerani edera o parigini, le piante sono ammassate, distanziatele in modo che le foglie nella parte bassa della pianta non restino al buio. Ponetele nei vasi dopo aver tolto i sostegni, pressate il terriccio perchè aderisca bene alle radici, bagnate con moderazione. Non si pongono i vasi sul davanzale ma a terra, control il muro di casa, in posizione luminosa ma non sotto l’azione diretta del sole e del vento. Dopo una settimana circa posizionateli dove volete.
      Dici che hai fertilizzato le piante con lievito di birra sciolto nell’acqua: a me giunge nuova, è sempre un bene imparare. Nella linea wellness troviamo il concime liquido disponibile anche in granulare per gerani, che favorisce la fioritura. E’ un concime per gerani con formulazione NPK 8/6/6, arricchito con ferro: è il prodotto giusto per assicurare un’intensa colorazione di foglie e fiori. Ha un nuovo dosatore facilitato, flacone da 1 litro.

  7. I miei gerani adesso fanno numerosi fiori,ma i boccioli non si aprono, diventano secchi e gialli. Li ho collegati al sole e cerco di fertilizzarl, pupurtroppo sono cresciuti solo in altezza e Larghezza

    1. Probabilmente c’è qualcosa di non corretto nelle condizioni ambientali o nelle pratiche colturali (annaffiatura, concimazione, fitosanitari, ecc.) o entrambe le cose. Assicurati innanzitutto che la pianta abbia una buona esposizione al sole: il geranio ha bisogno di molta luce per crescere in modo rigoglioso. L’esposizione deve essere a sud o a sud-est. Verificare che siano annaffiate regolarmente e che non siano infestate di parassiti e attaccate da malattie. La stagione permette di effettuare un rinvaso utilizzando un terriccio universale per piante ornamentali. Per ottenere piante rigogliose e abbondanti fioriture è fondamentale nutrirle abbondantemente e correttamente utilizzando prodotti specifici e di elevata qualità, perciò consiglio di utilizzare Baysol nutrimento per gerani, un prodotto studiato appositamente per questa specie. Affinchè la fioritura sia orgogliosa fare in modo che non lasciate mai completamente secco il terriccio, altrimenti l’appassimento è assicurato.

  8. Due sono le cause delle foglie gialle: o la luce non è sufficiente, oppure nel terreno c’è carenza di ferro. Nel secondo caso basta distruibuire con la prima annaffiatura del fertilizzante appropriato, per esempio fito rinverdente purchè sia a base di chelato di ferro e di altri microelementi. E’ opportuno rimuovere sempre le foglie gialle o scolorite tagliandole con le forbici a circa un centimetro dall’attaccatura del fusto: serve per evitare di lasciare ferite aperte nel fusto, potrebbe essere una via privilegiata per attacchi parassitari. Ai gerani per tutto il periodo della fioritura aggiungiamo all’acqua delle innaffiature ogni 15 giorni fertilizzante ricco di azoto. Eccessi o carenza di elementi nutritivi nel suolo fanno diventare le foglie gialle.

  9. I miei geranei macrantini hanno rami molto esili e molte foglie gialle…. ho dato un po’di chelato di ferro ma senza risultato……mi aiutate,??

    ,

  10. Farfalle e bruchi divorano tutto!
    Dopo due mesi (giugno e luglio) di splendida fioritura i miei gerani zonali sono stati attaccati dalla temibile farfalla killer del geranio (Cacyreus marshalli). Mi è stato proposto un insetticida spray della Bayer abbinato a compresse da mettere nel terriccio. Personalmente ho il terrorre di qualsiasi veleno da nebulizzare (ho anche un bambino piccolo), quindi mi sono lasciata convincere a prendere la versione “bio”, ovvero piretro, sempre Bayer, sempre da spruzzare… ma arrivata a casa e lette le avvertenze sulla confezione non sono riuscita a fare l’operazione anti-farfalla.
    Le compresse Bayer, mi dicono al vivaio, non sono sufficienti, lei cosa ne pensa? Non ho proprio alternative?
    Le mie piante al quarto piano però non sono così mal ridotte come quelle di mia mamma in giardino, le mie hanno solo smesso di crescere e di fare fiori…
    Le sarò grata per una sua opinione

    1. I gerani come sai amano le posizioni soleggiate, ma vivono bene anche a mezzombra, bagnati regolarmenti, anche se poco, per tutta la stagione riproduttiva. Per farli crescere sani e robusti, e in grado di resistere meglio agli attacchi degli insetti e delle malattie, devono essere nutriti adeguatamente, e poi bisogna pensare a proteggerli dall’attacco dei parassiti con un concime ricco di azoto, fosforo e potassio.
      Per quanto riguardo la terribile farfallina cacyreus marshalli: è un lepidottero proveniente dall’africa, ora diffusa anche in Italia. Causa moltissimi danni, svolge attività diurna in luoghi caldi e assolati, depone uova da cui fuoriescono piccole larve bianche che penetrano nei fusti dei gerani e vi scavano gallerie. Come prevenzione al problema, a partire da aprile, si può ricorrere a calipso garden protector, un innovativo insetticida a base di thiacloprid. Il prodotto va usato diluito di 50ml in un litro d’acqua, e poi usato per irrigare le piante in vaso, ripetendo il trattamento dopo un mese.
      Se hai paura di usare insetticidi: nutri al meglio i gerani con concimi minerali in formazione granulare (Baycot gerani piante fiorite: un concime minerale che lascia gradualmente gli elementi essenziali nutrendo la pianta per circa 6 mesi). I prodotti Bayer per la protezione delle piante sono agrofarmaci registrati al ministero della salute, prima dell’uso leggi bene le modalità d’uso (soprattutto se hai un bimbo piccolo)

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.