Consigli: una scarsa irrigazione si riconosce così

La maggior parte dei problemi per mancanza di acqua si verificano con la terra a base di torba, alla quale risulta idfficile rilasciare l’umidità una volta che si è asciugata poichè si comprime e si restringe quando si secca, ancor di più nei vasi di plastica.

Riconoscere la carenza d’acqua dalle foglie: presenza di foglie schiacciate e gialle che finiscono col cadere, con le punte marroni e i bordi secchi, e al tatto risultano secchi e fragili.

Riconoscere la carenza d’acqua nelle piante da fiori: i fiori sono appunto rovinati, senza colore, che finiscono con il cadere. I boccioli cadono prima di aprirsi.

Importante: si può versare molta acqua in un vaso con torba secca ma la terra non arriverà mai a bagnarsi. Quando il substrato è compresso, l’acqua scorre via dal buco che rimane tra il vaso e la terra, senza passare per le radici! Per evitare ciò bisogna aggiungere un po’ di terra fino a riempire il vaso completamente.

2 pensieri riguardo “Consigli: una scarsa irrigazione si riconosce così

  1. Per la rimozione del Ferro e del Manganese dall’acqua di pozzo esistono tecniche di filtrazione ormai consolidate.
    Si tratta di utilizzare delle bombole in vetroresina rimepite con del materiale filtrante granulare che accelera il processo di ossidazione del Ferro e del manganese facendoli precipitare sotto forma di Fango il quale poi viene trattenuto all’interno del filtro.

    Il materiale filtrante ha una vita di 5 anni o più, il filtro non richiede manutenzioni particolari in quanto totalmente automatico grazie ad una valvola idropneumatica e Timer di programmazione come gli addolcitori ad uso domestico.

    mediante l’utlizzo di altre tipologie di materiali filtranti è possibile inoltre rimuovere: ammoniaca, arsenico, calcare, ecc…

    Per maggiori info consiglio di consultare il seguente link:
    saitaimpianti.com/it/catalogo/impianti/deferizzatori_iron_less/1/25.aspx

  2. Per la rimozione del Ferro e del Manganese dall’acqua di pozzo esistono tecniche di filtrazione ormai consolidate.
    Si tratta di utilizzare delle bombole in vetroresina rimepite con del materiale filtrante granulare che accelera il processo di ossidazione del Ferro e del manganese facendoli precipitare sotto forma di Fango il quale poi viene trattenuto all’interno del filtro.

    Il materiale filtrante ha una vita di 5 anni o più, il filtro non richiede manutenzioni particolari in quanto totalmente automatico grazie ad una valvola idropneumatica e Timer di programmazione come gli addolcitori ad uso domestico.

    mediante l’utlizzo di altre tipologie di materiali filtranti è possibile inoltre rimuovere: ammoniaca, arsenico, calcare, ecc…

    Per maggiori info consiglio di consultare il seguente link:
    saitaimpianti.com/it/catalogo/impianti/deferizzatori_iron_less/1/25.aspx

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.