La dipladenia

La dipladenia si coltiva in vaso come pianta da appartamento. Nelle regioni a clima mite può rimanere anche all’aperto su balconi e terrazzi. Nelle zone a inverno freddo deve essere ritirata a partire dal mese di settembre, utilizzando un terriccio composto da 1/3 di terra e 2/3 di torba con l’aggiunta di sabbia, concimato con 3 grammi di concime complesso a lenta cessione per decalitro di terra; in primavera estate ogni 20 giorni aggiungere all’acqua di irrigazione 10/20 grammi di concime complesso per decalitro.

Consigli sulla dipladenia: applicare dei sostegni alle piante rampicanti, la potatura va fatta in modo da rinnovare la vegetazione dopo la fioritura e stimolare la formazione dei nuovi rami, poiché i fiori compaiono solamente sui rami dell’anno. L’esposizione deve essere luminosa con luce intensa ma diffusa, evitando il sole diretto, e collocare le piante in posti riparati dai venti freddi. Bagnare frequentemente la pianta spruzzando anche le foglie e cercare di mantenere elevata l’umidità dell’ambiente. Si rinvasa in primavera in vasi man mano più grandi, fino a raggiungere il diametro di 20/30 centimetri, poi si provvede solo alla sostituzione del terriccio superficiale. Eliminare i fiori appassiti e le parti danneggiate. La dipladenia può essere danneggiata dal ragnetto rosso, che causa ingiallimento delle foglie. Contro il ragnetto rosso intervenire con acaricidi. I marciumi radicali sono causati da eccesso di acqua o terriccio inadatto. Prevenire controllando le innaffiature e utilizzare un terriccio apposito.

 

68 domande/risposte su “La dipladenia

  1. buonasera e grazie per la disponibilità avrei un problema da risolvere: la mia dipladenia che è molto grande e non ho mai potato (avrà più o meno 3 anni) e alla quale non ho mai cambiato il vaso ovviamente sbagliando …credo! quest’anno fa molte foglie gialle (almeno una ventina ogni giorno!) forse la causa sarà un attacco di ragnetti che ho combattuto con insetticida spray circa un mesetto fa? comunque ha germogli nuovi e parecchi boccioli. cosa posso fare per farla riprendere? chiedo scusa per la lunghezza della mail e ringrazio

  2. @Margherita,
    la potatura della dipladenia deve essere fatta in modo da rinnovare la vegetazione dopo la fioritura, per stimolare la formazione di molti nuovi rami, poichè i fiori compaiono solamente sui rami dell’anno.
    La rinvasatura si effettua in primavera, in vasi più grandi, fino a raggiungere il diametro di 20/30 centimetri. Poi si provvede solo alla sostituzione del terriccio.
    Questa pianta può essere danneggiata superficialmente o pesantemente dal ragnetto rosso, che causa punteggiature e ingiallimenti delle foglie. Intervenire con acaricidi.
    Il tuo problema è stato causato da eccesso di acqua o terriccio inadatto: usare terriccio torba con aggiunta di sabbia, con fertilizzante ogni 15 giorni, usando concime contenente fosforo, interrompendo ad agosto. Bagnare le piante spruzzando anche le foglie (quando non ha il sole diretto) per cercare di mantenere elevata l’umidità dell’ambiente.

  3. Anche la mia Dipladenia ha le foglie alla base della pianta ingiallite, presumo sia per eccesso di acqua. E’ sufficiente non innaffiarla per un pò di tempo o è meglio sostituire anche la terra superficiale?.
    le foglie vanno comunque spruzzate o per ora è meglio di no.
    Preventivamente ho trattato la pianta una volta al mese con acaricida, ho fatto bene o è meglio non farlo se non è attaccata da parassiti?
    Grazie

  4. buongiorno Lina ho bisogno di info sulla dipladenia…..in questo periodo è normale che faccia tante foglie gialle e che sia un pò sciupata (foglie piccoline e opache) io la concimo lo stesso con granulare (magari sbaglio?) e la bagno normalmente ( i vasi sono piccolini e il terreno è sempre asciutto). Grazie della cortese disponibilità buon lavoro

  5. @margherita
    In questo periodo è normale che la dipladenia faccia delle foglie gialle. La dipladenia ama il caldo. A inizio stagione è più sensibile al freddo. E’ importante bagnare ma teme i ristagni. Dici che le bagni normalmente. L’importante è bagnare con regolarità 2/3 volte la settimana. E’ consigliabile però togliere il sottovaso o svuotarlo dopo 15 minuti dalla bagnatura. Il fertilizzante per piante da fiore si dà da metà aprile a settembre ogni 2 settimane nell’acqua di bagnatura. In caso di sovradosaggi la pianta manifesta bruciature e deperimento fogliare. Si avvantaggia di regolari nebulizzazioni a giorni alterni con acqua non fredda. Non dare più concime.

  6. La mia dipladeia, che ho potato a ottobre ora ha perso tutte le foglie che, in breve tempo ( da quando l’ho portata in casa) sono ingiallite e poi cadute…cosa significa? CI sono alcuni germogli nuovi ma non sembrano molto rigogliosi…cosa devo fare per recuperarla?

  7. La dipladenia, nelle regioni a clima molto mite, può rimanere anche all’aperto, su balconi e terrazzi. Nelle zone a inverno freddo deve essere ritirata a partire da settembre. La potatura deve essere fatta in modo da rinnovare la vegetazione dopo la fioritura, per stimolare la formazione dei nuovi rami, poichè i fiori compaiono sui rami dell’anno.
    La posizione deve essere luminosa.
    L’ingiallimento e la caduta delle foglie della dipladenia possono essere causati dal ragnetto rosso: intervenire con acaricidi.
    I germogli nuovi che non sembrano rigogliosi: quando la bagni spruzza anche le foglie e cerca di mantenere elevata l’umidità dell’ambiente. In bocca al lupo!

  8. buon giorno, la disturbo per la mia dipladenia. l’ho comprata a maggio e mi ha dato tanto soddisfazioni con abbondanti fioriture fino a novembre. Abito in Lombardia. Adesso che siamo a gennaio vedo che inizia a perdere delle foglie che prima rinsecchiscono e poi si staccano.
    Io la bagno una volta la settimana (non di più perchè la sua gemella è morta per marciume radicale) e l’ho messa in un sottovaso con argilla espansa sempre bagnata.
    La sto tenendo in un posto luminoso ad una temperatura di circa 16°C (più basso di così non posso).Come posso salvarla?
    Può darmi dei consigli? La ringrazio infinitamente. Irene

  9. Ho una dipladenia anch’io con problemi di foglie gialle e fiori che appassiscono quasi subito dopo essere sbocciati. Vivo in una zona di mare al sud e ho la pianta sul balcone da quasi tre anni con esposizione a sole pieno, ma è la prima volta che ho questi problemi.Tra i commenti ho letto del ragnetto rosso ed anche se non mi sembra che ci siano, come si presentano? Cosa posso fare?
    Grazie

  10. rinvasando una dipladenia ho trovato tanti bulbi radicali.
    vorrei sapere se separatamente si riproducono formando nuove piantine

    grazie valter

    1. La moltiplicazione della dipladenia: in marzo/aprile si prelevano talee da 8cm, con una porzione del ramo portante dei germogli laterali giovani. Oppure in giugno/luglio si prelevano porzioni dei fusti più vecchi, con 2 foglie. Le talee si piantano in un miscuglio di torba e sabbia inparti uguali, alla temperatura di 16/18 gradi. Quando hanno radicato si invasano singolarmente in contenitori di 8cm.

  11. rinvasando una dipladenia ho trovato tanti bulbi radicali.
    vorrei sapere se separatamente si riproducono formando nuove piantine

    grazie valter

    1. La moltiplicazione della dipladenia: in marzo/aprile si prelevano talee da 8cm, con una porzione del ramo portante dei germogli laterali giovani. Oppure in giugno/luglio si prelevano porzioni dei fusti più vecchi, con 2 foglie. Le talee si piantano in un miscuglio di torba e sabbia inparti uguali, alla temperatura di 16/18 gradi. Quando hanno radicato si invasano singolarmente in contenitori di 8cm.

  12. Ho nella mia terrazza molte piante di Dipladenia, ma purtroppo i fiori sono pieni di (affidi)?… non so proprio che cosa fare per sanare i bellisimi fiori. Inoltre le foglie si ingialliscono e cadono copiose. Vi ringrazio se volete rispondere.

  13. salve,
    ho appena comprato una dipladenia fuxia. ma i fiori fanno fatica ad aprirsi e quando si aprono sono accartocciati e rovinati. Cosa devo fare? Grazie

    1. La coltivazione di questa pianta è un po’ difficile. Per riuscire in questa impresa bisogna garantire soprattutto un’elevata umidità (soprattutto nei mesi più caldi), avere un’esposizione luminosa diffusa, evitando l’irradiazione solare diretta, al riparo dai venti freddi. Prova a spruzzare acqua tiepida nebulizzata. Metti il vaso su un sottovaso riempito con argilla espansa da mantenere sempre umida: in questo modo è come se la pianta si trovasse in un ambiente molto umido. Eliminare i fiori appassiti, e provare a dare un fertilizzante ogni 15 giorni, interrompendo in agosto, contenente fosforo. Hai mai provato il concime “Nutri One” per piante e fiori? Favorisce crescita equilibrata e fioritura prolungata: leggi attentamente le istruzioni del flacone.

  14. Ho una Dipladenia, comprata da una settimana. Ho letto che va tenuto umido il terreno e la sto curando innaffiandola ogni due giorni e spruzzandola con acqua sulle foglie tutti i giorni. Alla base, però, alcune foglie si ingialliscono (1 nuova ogni giorno), cominciando gradualmente dalla base della foglia, all’attaccatura, per poi diventare tutte gialle. A quel punto appena le tocco, cadono. Alcuni parlano di ragnetto rosso, alcuni di eccessiva innaffiatura. Ora provo a diminuirla. Mi ricorda la stessa cosa che succedeva a un ficus che avevo.
    Ho anche notato oggi che sempre in zona base della pianta ci sono alcune gocce di un liquido bianco sui rametti qua e là (è lo stesso che comincia a comparire non appena spezzi una foglia). E’ normale? Mi chiedevo se è l’effetto di un parassita (ad es. il ragnetto rosso… che però non vedo da nessuna parte) oppure una cosa normale che fa la pianta. Se fosse una difesa, una risposta ad una ferita, mi chiedo se c’è qualche parassita che l’ha attaccata.

    1. Il segreto per mantenere questa pianta è garantirle un’elevata umidità, soprattutto durante i mesi più caldi. Per quanto riguarda mantenere umido il terriccio: va bene, anche spruzzando le foglie per aumentare l’umidità dell’ambiente, ma bisogna fare attenzione a non far rimanere acqua nel sottovaso.
      E’ proprio il ragnetto rosso che può danneggiare la dipladenia, causando punteggiature e ingiallimento delle foglie. Si deve intervenire con acaricidi. Se non li vedi, bisogna guardare bene sotto le foglie. Il liquido bianco fa pensare proprio a questo parassita, perchè non è cosa normale della pianta la caduta delle foglie, che può avvenire causa marciumi radicali causati da eccesso di acqua oppure da un terriccio inadatto. Prevenire controllando le innaffiature e predisponendo un terriccio più adatto.

  15. Abito in Lombardia, vorrei sapere come riparare dal freddo le piante di dipladenia in vaso, può andare bene la classica serra casalinga. Grazie

    1. La dipladenia, inserita talvolta nel genere mandevillea, è adatta per la coltivazione in serra e in appartamento. Dopo la fioritura spesso la pianta muore, ma in buone condizioni può anche superare l’inverno. Per tutto l’inverno si mantiene la temperatura di 12/14 gradi, che si aumenta a 16 in marzo, quando la pianta riprende a vegetare.
      Per superare l’inverno devi ricoverarla in un locale luminoso, non riscaldato (scala vetrata, veranda). Durante l’inverno si bagna moderatamente per evitare che si indebolisca, non si fertilizza più, e con una potatura leggera si contiene l’eccessivo rigoglio.-

  16. Ho diverse piante di dipladenia acquistate in primavera e che vorrei conservare per il prossimo anno , ora vorrei ritirarle dal terrazzo anche se hanno ancora parecchi fiori e boccioli perché abitando in montagna il clima fra poche settimane sarà più freddo, come la devo trattare? e dove le devo mettere? dispongo di una stanza molto luminosa dove di solito metto anche altri fiori che poi in primavera mi rifioriscono con una temperatura che anche in inverno non va mai sotto i 10 gradi può andare bene? quanto devo potare queste piante? Grazie in anticipo per la gentile risposta.

    1. Questa è una pianta perenne, che sopravvive solo in località con inverni molto miti, o all’interno in ambienti freschi e luminosi. In genere è trattata come annuale, e fiorisce abbondantemente dalla primavera all’autunno. Con il nome generico di dipladenia si indicano alcune specie sempreverdi e rampicanti, coltivate per lo più in serra e proposte come piante da appartamento. Negli anni 60 però a causa della scarsa fioritura la pianta fu dimenticata. Oggi, per le nuove varietà ottenute, per incroci assai più resistenti e fioriferi, è tornata nei garden. In autunno la mancanza di cure, e per tardivi ricoveri, spesso non sopravvive. In inverno quando le temperature scendono di notte sotto i 10 gradi è il momento di ricoverarle, in locali protetti ma non riscaldata, in una veranda o scala vetrata. Bagnarla solo quando il terriccio è completamente asciutto, e in autunno/inverno non va dato del fertilizzante

  17. Ho comprato in questi giorni diverse piante di dipladenia e le ho messe in balcone su vasi lunghi 50 cm x 25 circa alcuni rami li ho legati alla ringhiera i vasi nn li posso spostare. Il pomeriggio x poche ore hanno il sole. io abito a Roma e il clima nn è freddissimo ma alcune volte in inverno lo zero si tocca. Come posso proteggerle e nn farle morire? Grazie

    1. Non credo. La coltivazione di questa pianta è difficile, di solito si fa la propagazione utilizzando talee in primavera e talvolta anche d’estate piantandole in un substrato a base di torba e agriperlite in parti uguali, in un luogo riparato e a una temperatura di 22/24 gradi, spruzzandole frequentemente. A radicazione avvenuta si invasano singolarmente in vasi di 12/14 cm di diametro. Puoi provare, non conosco questo metodo dei bulbi, facci sapere.

  18. Ciao ho acquistato una settimana fa una dipladenia l’ ho travasata su una vaschetta e ho messa sulla ringhiera del balcone, ho notato chele toglie mi stanno ingiallendo e si staccano gli dà da bere una volta alla settimana e poi è sposta al sole cosa potrebbe essere il sole oppure poca acqua ?

    1. Il deperimento di questa pianta probabilmente è stato come dici tu. La dipladenia predilige le macchie di ambra, e va collocata in un luogo dove non sia investita dalla luce del sole di mezzogiorno. Annaffiare a fondo ma lasciare asciugare prima della bagnatura successiva. Le piante adulte avranno bisogno di molta acqua durante il periodo di crescita estivo, e in inverno solo quando le foglie tendono a soffrire. Irrorare durante i periodi caldi. Questa pianta può essere danneggiata pesantemente anche dal ragnetto rosso, che causa punteggiature e ingiallimenti delle foglie. Intervenire con acaricidi. I marciumi sono causati da eccesso di acqua o terriccio inadatto. Si possono prevenire controllando le annaffiature e scegliendo un terreno adatto.

  19. Salve come faccio a curare la mia dipladenia lo spruzzata con acqua e sapone ma niente, o visto che a le foglie quasi tutte con puntini neri é i germogli cadono come se niente fosse, poi o notato che tutta spoglia é i fiori marciscono come niente é le foglie tutte quasi deformato lo travasata con una terra che o presa in campagna ed è morbidissima, sa se qualcuno può aiutarmi grazie a chi mi risponde

    1. Questa pianta si coltiva in un terriccio ricco e ben drenato. E’ adatta la composta da vasi john innes n.3, oppure utilizzare un terriccio composta da 1/3 di terra, e 2/3 di torba, con l’aggiunta di sabbia, concimato con 30 grammi di concime complesso a lenta cessione per decalitro di terra. In primavera/estate, ogni 20 giorni, aggiungere all’acqua di irrigazione un concime complesso. Questa pianta può essere danneggiata dal ragnetto rosso, concciniglia e cocciniglia cotonosa: usare un’insetticida sistemico a partire dall’inizio del periodo di crescita per tenerli sotto controllo.

      1. Grazie mille x il consiglio io le volevo fare una domanda io o un terriccio troppo morbido diciamo che è letame misto tra terra, le volevo chiedere se potesse andare questo tipo di terra

        1. La dipladenia ha una coltivazione difficile. Utilizzare un terriccio di qualità è importante. Deve essere a base di terra grassa, ben drenato e non invasare troppo in profondità. Fertilizzante ogni 15/20 giorni in primavera e in estate, usando concime contenente fosforo, interrompendo in agosto.

  20. Salve scusate volevo sapere se linsetticida a spray x insetti esterni, è la stessa cosa riguardo a un insetticida x piante possono danneggiare le piante

  21. buon giorno, la disturbo per la mia dipladenia. l’ho comprata a maggio e mi ha dato tanto soddisfazioni con abbondanti fioriture fino a novembre. Abito in Lombardia. Adesso che siamo a gennaio vedo che inizia a perdere delle foglie che prima rinsecchiscono e poi si staccano.
    Io la bagno una volta la settimana (non di più perchè la sua gemella è morta per marciume radicale) e l’ho messa in un sottovaso con argilla espansa sempre bagnata.
    La sto tenendo in un posto luminoso ad una temperatura di circa 16°C (più basso di così non posso).Come posso salvarla?
    Può darmi dei consigli? La ringrazio infinitamente. Irene

  22. La dipladenia, nelle regioni a clima molto mite, può rimanere anche all’aperto, su balconi e terrazzi. Nelle zone a inverno freddo deve essere ritirata a partire da settembre. La potatura deve essere fatta in modo da rinnovare la vegetazione dopo la fioritura, per stimolare la formazione dei nuovi rami, poichè i fiori compaiono sui rami dell’anno.
    La posizione deve essere luminosa.
    L’ingiallimento e la caduta delle foglie della dipladenia possono essere causati dal ragnetto rosso: intervenire con acaricidi.
    I germogli nuovi che non sembrano rigogliosi: quando la bagni spruzza anche le foglie e cerca di mantenere elevata l’umidità dell’ambiente. In bocca al lupo!

  23. La mia dipladeia, che ho potato a ottobre ora ha perso tutte le foglie che, in breve tempo ( da quando l’ho portata in casa) sono ingiallite e poi cadute…cosa significa? CI sono alcuni germogli nuovi ma non sembrano molto rigogliosi…cosa devo fare per recuperarla?

  24. @Margherita,
    la potatura della dipladenia deve essere fatta in modo da rinnovare la vegetazione dopo la fioritura, per stimolare la formazione di molti nuovi rami, poichè i fiori compaiono solamente sui rami dell’anno.
    La rinvasatura si effettua in primavera, in vasi più grandi, fino a raggiungere il diametro di 20/30 centimetri. Poi si provvede solo alla sostituzione del terriccio.
    Questa pianta può essere danneggiata superficialmente o pesantemente dal ragnetto rosso, che causa punteggiature e ingiallimenti delle foglie. Intervenire con acaricidi.
    Il tuo problema è stato causato da eccesso di acqua o terriccio inadatto: usare terriccio torba con aggiunta di sabbia, con fertilizzante ogni 15 giorni, usando concime contenente fosforo, interrompendo ad agosto. Bagnare le piante spruzzando anche le foglie (quando non ha il sole diretto) per cercare di mantenere elevata l’umidità dell’ambiente.

  25. Anche la mia Dipladenia ha le foglie alla base della pianta ingiallite, presumo sia per eccesso di acqua. E’ sufficiente non innaffiarla per un pò di tempo o è meglio sostituire anche la terra superficiale?.
    le foglie vanno comunque spruzzate o per ora è meglio di no.
    Preventivamente ho trattato la pianta una volta al mese con acaricida, ho fatto bene o è meglio non farlo se non è attaccata da parassiti?
    Grazie

  26. Ho una dipladenia anch’io con problemi di foglie gialle e fiori che appassiscono quasi subito dopo essere sbocciati. Vivo in una zona di mare al sud e ho la pianta sul balcone da quasi tre anni con esposizione a sole pieno, ma è la prima volta che ho questi problemi.Tra i commenti ho letto del ragnetto rosso ed anche se non mi sembra che ci siano, come si presentano? Cosa posso fare?
    Grazie

  27. @margherita
    In questo periodo è normale che la dipladenia faccia delle foglie gialle. La dipladenia ama il caldo. A inizio stagione è più sensibile al freddo. E’ importante bagnare ma teme i ristagni. Dici che le bagni normalmente. L’importante è bagnare con regolarità 2/3 volte la settimana. E’ consigliabile però togliere il sottovaso o svuotarlo dopo 15 minuti dalla bagnatura. Il fertilizzante per piante da fiore si dà da metà aprile a settembre ogni 2 settimane nell’acqua di bagnatura. In caso di sovradosaggi la pianta manifesta bruciature e deperimento fogliare. Si avvantaggia di regolari nebulizzazioni a giorni alterni con acqua non fredda. Non dare più concime.

  28. buonasera e grazie per la disponibilità avrei un problema da risolvere: la mia dipladenia che è molto grande e non ho mai potato (avrà più o meno 3 anni) e alla quale non ho mai cambiato il vaso ovviamente sbagliando …credo! quest’anno fa molte foglie gialle (almeno una ventina ogni giorno!) forse la causa sarà un attacco di ragnetti che ho combattuto con insetticida spray circa un mesetto fa? comunque ha germogli nuovi e parecchi boccioli. cosa posso fare per farla riprendere? chiedo scusa per la lunghezza della mail e ringrazio

  29. buongiorno Lina ho bisogno di info sulla dipladenia…..in questo periodo è normale che faccia tante foglie gialle e che sia un pò sciupata (foglie piccoline e opache) io la concimo lo stesso con granulare (magari sbaglio?) e la bagno normalmente ( i vasi sono piccolini e il terreno è sempre asciutto). Grazie della cortese disponibilità buon lavoro

  30. Salve come faccio a curare la mia dipladenia lo spruzzata con acqua e sapone ma niente, o visto che a le foglie quasi tutte con puntini neri é i germogli cadono come se niente fosse, poi o notato che tutta spoglia é i fiori marciscono come niente é le foglie tutte quasi deformato lo travasata con una terra che o presa in campagna ed è morbidissima, sa se qualcuno può aiutarmi grazie a chi mi risponde

    1. Questa pianta si coltiva in un terriccio ricco e ben drenato. E’ adatta la composta da vasi john innes n.3, oppure utilizzare un terriccio composta da 1/3 di terra, e 2/3 di torba, con l’aggiunta di sabbia, concimato con 30 grammi di concime complesso a lenta cessione per decalitro di terra. In primavera/estate, ogni 20 giorni, aggiungere all’acqua di irrigazione un concime complesso. Questa pianta può essere danneggiata dal ragnetto rosso, concciniglia e cocciniglia cotonosa: usare un’insetticida sistemico a partire dall’inizio del periodo di crescita per tenerli sotto controllo.

      1. Grazie mille x il consiglio io le volevo fare una domanda io o un terriccio troppo morbido diciamo che è letame misto tra terra, le volevo chiedere se potesse andare questo tipo di terra

        1. La dipladenia ha una coltivazione difficile. Utilizzare un terriccio di qualità è importante. Deve essere a base di terra grassa, ben drenato e non invasare troppo in profondità. Fertilizzante ogni 15/20 giorni in primavera e in estate, usando concime contenente fosforo, interrompendo in agosto.

  31. Salve scusate volevo sapere se linsetticida a spray x insetti esterni, è la stessa cosa riguardo a un insetticida x piante possono danneggiare le piante

  32. salve,
    ho appena comprato una dipladenia fuxia. ma i fiori fanno fatica ad aprirsi e quando si aprono sono accartocciati e rovinati. Cosa devo fare? Grazie

    1. La coltivazione di questa pianta è un po’ difficile. Per riuscire in questa impresa bisogna garantire soprattutto un’elevata umidità (soprattutto nei mesi più caldi), avere un’esposizione luminosa diffusa, evitando l’irradiazione solare diretta, al riparo dai venti freddi. Prova a spruzzare acqua tiepida nebulizzata. Metti il vaso su un sottovaso riempito con argilla espansa da mantenere sempre umida: in questo modo è come se la pianta si trovasse in un ambiente molto umido. Eliminare i fiori appassiti, e provare a dare un fertilizzante ogni 15 giorni, interrompendo in agosto, contenente fosforo. Hai mai provato il concime “Nutri One” per piante e fiori? Favorisce crescita equilibrata e fioritura prolungata: leggi attentamente le istruzioni del flacone.

  33. Ho una Dipladenia, comprata da una settimana. Ho letto che va tenuto umido il terreno e la sto curando innaffiandola ogni due giorni e spruzzandola con acqua sulle foglie tutti i giorni. Alla base, però, alcune foglie si ingialliscono (1 nuova ogni giorno), cominciando gradualmente dalla base della foglia, all’attaccatura, per poi diventare tutte gialle. A quel punto appena le tocco, cadono. Alcuni parlano di ragnetto rosso, alcuni di eccessiva innaffiatura. Ora provo a diminuirla. Mi ricorda la stessa cosa che succedeva a un ficus che avevo.
    Ho anche notato oggi che sempre in zona base della pianta ci sono alcune gocce di un liquido bianco sui rametti qua e là (è lo stesso che comincia a comparire non appena spezzi una foglia). E’ normale? Mi chiedevo se è l’effetto di un parassita (ad es. il ragnetto rosso… che però non vedo da nessuna parte) oppure una cosa normale che fa la pianta. Se fosse una difesa, una risposta ad una ferita, mi chiedo se c’è qualche parassita che l’ha attaccata.

    1. Il segreto per mantenere questa pianta è garantirle un’elevata umidità, soprattutto durante i mesi più caldi. Per quanto riguarda mantenere umido il terriccio: va bene, anche spruzzando le foglie per aumentare l’umidità dell’ambiente, ma bisogna fare attenzione a non far rimanere acqua nel sottovaso.
      E’ proprio il ragnetto rosso che può danneggiare la dipladenia, causando punteggiature e ingiallimento delle foglie. Si deve intervenire con acaricidi. Se non li vedi, bisogna guardare bene sotto le foglie. Il liquido bianco fa pensare proprio a questo parassita, perchè non è cosa normale della pianta la caduta delle foglie, che può avvenire causa marciumi radicali causati da eccesso di acqua oppure da un terriccio inadatto. Prevenire controllando le innaffiature e predisponendo un terriccio più adatto.

  34. Ciao ho acquistato una settimana fa una dipladenia l’ ho travasata su una vaschetta e ho messa sulla ringhiera del balcone, ho notato chele toglie mi stanno ingiallendo e si staccano gli dà da bere una volta alla settimana e poi è sposta al sole cosa potrebbe essere il sole oppure poca acqua ?

    1. Il deperimento di questa pianta probabilmente è stato come dici tu. La dipladenia predilige le macchie di ambra, e va collocata in un luogo dove non sia investita dalla luce del sole di mezzogiorno. Annaffiare a fondo ma lasciare asciugare prima della bagnatura successiva. Le piante adulte avranno bisogno di molta acqua durante il periodo di crescita estivo, e in inverno solo quando le foglie tendono a soffrire. Irrorare durante i periodi caldi. Questa pianta può essere danneggiata pesantemente anche dal ragnetto rosso, che causa punteggiature e ingiallimenti delle foglie. Intervenire con acaricidi. I marciumi sono causati da eccesso di acqua o terriccio inadatto. Si possono prevenire controllando le annaffiature e scegliendo un terreno adatto.

  35. Ho diverse piante di dipladenia acquistate in primavera e che vorrei conservare per il prossimo anno , ora vorrei ritirarle dal terrazzo anche se hanno ancora parecchi fiori e boccioli perché abitando in montagna il clima fra poche settimane sarà più freddo, come la devo trattare? e dove le devo mettere? dispongo di una stanza molto luminosa dove di solito metto anche altri fiori che poi in primavera mi rifioriscono con una temperatura che anche in inverno non va mai sotto i 10 gradi può andare bene? quanto devo potare queste piante? Grazie in anticipo per la gentile risposta.

    1. Questa è una pianta perenne, che sopravvive solo in località con inverni molto miti, o all’interno in ambienti freschi e luminosi. In genere è trattata come annuale, e fiorisce abbondantemente dalla primavera all’autunno. Con il nome generico di dipladenia si indicano alcune specie sempreverdi e rampicanti, coltivate per lo più in serra e proposte come piante da appartamento. Negli anni 60 però a causa della scarsa fioritura la pianta fu dimenticata. Oggi, per le nuove varietà ottenute, per incroci assai più resistenti e fioriferi, è tornata nei garden. In autunno la mancanza di cure, e per tardivi ricoveri, spesso non sopravvive. In inverno quando le temperature scendono di notte sotto i 10 gradi è il momento di ricoverarle, in locali protetti ma non riscaldata, in una veranda o scala vetrata. Bagnarla solo quando il terriccio è completamente asciutto, e in autunno/inverno non va dato del fertilizzante

    1. Non credo. La coltivazione di questa pianta è difficile, di solito si fa la propagazione utilizzando talee in primavera e talvolta anche d’estate piantandole in un substrato a base di torba e agriperlite in parti uguali, in un luogo riparato e a una temperatura di 22/24 gradi, spruzzandole frequentemente. A radicazione avvenuta si invasano singolarmente in vasi di 12/14 cm di diametro. Puoi provare, non conosco questo metodo dei bulbi, facci sapere.

  36. Abito in Lombardia, vorrei sapere come riparare dal freddo le piante di dipladenia in vaso, può andare bene la classica serra casalinga. Grazie

    1. La dipladenia, inserita talvolta nel genere mandevillea, è adatta per la coltivazione in serra e in appartamento. Dopo la fioritura spesso la pianta muore, ma in buone condizioni può anche superare l’inverno. Per tutto l’inverno si mantiene la temperatura di 12/14 gradi, che si aumenta a 16 in marzo, quando la pianta riprende a vegetare.
      Per superare l’inverno devi ricoverarla in un locale luminoso, non riscaldato (scala vetrata, veranda). Durante l’inverno si bagna moderatamente per evitare che si indebolisca, non si fertilizza più, e con una potatura leggera si contiene l’eccessivo rigoglio.-

  37. Ho comprato in questi giorni diverse piante di dipladenia e le ho messe in balcone su vasi lunghi 50 cm x 25 circa alcuni rami li ho legati alla ringhiera i vasi nn li posso spostare. Il pomeriggio x poche ore hanno il sole. io abito a Roma e il clima nn è freddissimo ma alcune volte in inverno lo zero si tocca. Come posso proteggerle e nn farle morire? Grazie

  38. Ho nella mia terrazza molte piante di Dipladenia, ma purtroppo i fiori sono pieni di (affidi)?… non so proprio che cosa fare per sanare i bellisimi fiori. Inoltre le foglie si ingialliscono e cadono copiose. Vi ringrazio se volete rispondere.

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.