Ottobre: consigli per travasi, per piantare arbusti e per le ortensie

In ottobre è il momento di cambiare vaso alle piante. Molte piante durante l’estate sono cresciute tanto, e il vaso è diventato stretto. Adesso siamo nel periodo ideale per procedere alla sostituzione del contenitore. Le piante sono in semiriposo, perciò hanno meno esigenze. Come fare il travaso: il nuovo vaso deve non molto più grande del precedente (2/3cm di diametro in più sono sufficienti). Mettere sul fondo due dita di sassolini o cocci, che servono per il drenaggio. Poi si estrae la pianta dal vecchio vaso: se questo è di plastica l’operazione è facile, basta premere sulle pareti esterni in modo da muovere il terriccio. Se invece è di terracotta bagnare bene il terriccio, quindi con un bastoncino spingere da sotto attraverso il foro di scolo. Dopo che sarà uscita la zolla, togliere il terriccio del fondo, tagliare le radici più filiformi (quelle più sottili) o marcescenti, e sistemare la pianta nel nuovo vaso, dove avrete già messo del terriccio. Disporre bene le radici su di esso, e aggiungere altra terra premendola delicatamente in modo che non si formino vuoti (perchè potrebbero diventare secche di umidità provocando marciumi radicali). Aggiungere terra fino a 2/3cm sotto il bordo, in modo che quando si annaffia l’acqua non potrà fuoriuscire. Sistemare infine la pianta in un angolo tranquillo del terrazzo.

Ottobre è il momento ideale per piantare in piena terra nuovi arbusti ed alberelli. E’ un’operazione che si potrebbe fare per tutto l’inverno, ma in questo periodo si ha la certezza di avere un terreno sufficientemente morbido e non gelato: l’umidità dell’inverno faciliterà l’attecchimento. Prim di acquistare le piante bisogna scavare le buche almeno una o due settimane prima, e per un arbusto o un alberello la buca deve essere di 50x50cm , e profonda 40/50cm. Per piantare una nuova siepe ci si comporta per qualsiasi altro arbusto, preparando in anticipo la fossa, gettando sul fondo i sassi per assicurarsi il drenaggio. La fossa deve essere larga 40cm e profonda altrettanto. Mettiamo fin da subito dei tutori da posizionare all’estremità, e un filo di ferro che li colleghi: serviranno a mantenere dritte le piante finchè non hanno attecchito (vedi anche la guida passo passo)

In giardino potare l’ortensia. Se si desidera avere un’ortensia sempre grande e di bella forma si deve potare nel modo più opportuno: l’idea che vada potata completamente a pochi cm da terra – anche se molto diffusa – è sbagliata, perchè l’ortensia fiorisce sui fusti dell’anno precedente, perciò bisogna tagliare i rami che hanno fiorito nel corso dell’anno (e che non produrranno più fiori) e quasi alla base, lasciando almeno sempre due coppie di gemme.

I bulbi che hanno terminato la fioritura si estirpano e si puliscono dalla terra, si fanno asciugare e si conservano in sacchetti di carta in un luogo asciutto e buio.
Si preparano le buche per l’impianto delle rose.
Le annuali da fiore si seminano in cultura protetta (sotto tunnel o al riparo di una serra o sulle scale).
Si piantano all’aperto i fiori biennali, come digitale, violaciocca, bulbi rizomi.
Preparare talee di arbusti sempreverdi.
Si fanno trattamenti rameici del frutteto, ma solo dal momento che le piante hanno perso la metà delle foglie.
Si tosa il prato per l’ultima volta e si fa la trasemina che consente di mantenerlo verde anche d’inverno.

 

Lascia un commento

I tuoi dati vengono trattati nel rispetto della privacy: inviando un commento dichiari di avere piu' di 16 anni e di accettare la privacy policy vigente

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure ricevi avviso anche senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.